L'arca

Electronics Time


Ancora un (tentato) furto di rame: Bari, un arresto. Altamura, tentò di rapinare uomo in strada: preso Canosa, in fuga dai domiciliari: arrestato

rame rubato1

Di seguito alcune comunicazioni diffuse dai carabinieri:

I Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo, hanno arrestato il 47enne Giovanni De Marzo, del luogo e già noto alle Forze dell’Ordine, con l’accusa di tentato furto aggravato.

Nel corso di un servizio di controllo del territorio i militari si sono insospettiti notando che la recinzione in ferro di uno stabilimento in disuso di via Zippitelli era divelta. Portatisi all’interno del capannone hanno sorpreso l’uomo che a mani nude stava estraendo cavi in rame dalle canaline poste sui muri perimetrali. Nel corso del controllo gli operanti rinvenivano 60 chili di cavi in rame e 16 di alluminio già accatastati per essere portati via. Tratto in arresto il 47enne, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, è stato collocato ai domiciliari in attesa del rito direttissimo.

—–

I Carabinieri della Stazione di Canosa di Puglia hanno arrestato con l’accusa di evasione un 29enne del luogo. Il giovane a seguito di un controllo presso la sua abitazione non è stato trovato in casa sebbene fosse sottoposto ai domiciliari. Individuato mentre passeggiava per le strade cittadine lo stesso si è dato alla fuga venendo definitivamente bloccato al termine di un breve inseguimento. Su disposizione della Procura della Repubblica di Trani il 29enne  è stato associato presso la locale casa circondariale.

—–

 

I Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Altamura hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica nei confronti di un 22enne di origini albanesi residente ad Altamura ritenuto responsabile di rapina e lesioni.

I fatti risalgono al pomeriggio dello scorso 25 settembre quando nella centrale Piazza Mercadante il giovane aggredì un 48enne del posto al fine di impossessarsi di una borsa a tracolla che questi portava con sé. Fallito il tentativo di rapina a causa della reazione dell’uomo, non esitava a colpirlo con violenza, tanto da procurargli lesioni giudicate guaribili in 20 giorni, per poi dileguarsi tra i vicoli del centro storico.

L’evento, al quale avevano assistito alcuni testimoni, era stato in parte ripreso anche da alcune telecamere della sorveglianza cittadina, le cui immagini però non avevano permesso di accertare nell’immediatezza l’identità del violento aggressore.

Le indagini successive svolte dai Carabinieri di Altamura hanno portato all’identificazione del responsabile, il quale nel pomeriggio odierno, è stato assicurato alla giustizia ed associato presso la casa circondariale di Bari.




endsac noinotizie2

allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *