Taras
Flashnews: 16 ottobre 2018
Fasano: incidente sulla strada statale 379, un morto

In territorio di Torre Canne

Flashnews: 16 ottobre 2018
Settantacinque anni fa la deportazione degli ebrei dal ghetto di Roma: una vergogna da non dimenticare

Il 16 ottobre 1943 l'orribile giornata di storia italiana


Un 73enne di Foggia tra gli arrestati per sfruttamento della prostituzione, liberate otto ragazze dalla schiavitù

Una di loro, chiedendo a un cliente di accompagnarla dai carabinieri, ha denunciato gli aguzzini

Dalle otto del mattino alle dieci di sera. A prostituirsi, sulla strada statale 16. Una di loro ha chiesto a un cliente di accompagnarla dai carabinieri. Per denunciare. Non ce la faceva più, ha detto tutto ciò che fosse necessario per arrestare gli sfruttatori. Vittime bulgare, aguzzini pure e con loro, pure un italiano: un foggiano 73enne. In un casolare di Marina di lesina, in condizioni subumane, erano tenute rinchiuse le ragazze. In un casolare accanto una specie di ufficio, in cui erano tenuti anche i documenti delle vittime della schiavitù. Dovevano portare soldi e se erano pochi, dopo essersi prostituite dalla mattina alla notte, venivano pure picchiate. Anche alcune donne facevano parte del gruppi di sfruttatori: portavano, per esempio, i preservativi alle ragazze costrette a prostituirsi. Se accertate le responsabilità di questa gente, come si suol dire, buttate la chiave.

Le vittime della schiavitù, otto ragazze, sono libere e ospitate in strutture protette.

Bisogna salvare le tante, tantissime altre.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una di loro, chiedendo a un cliente di accompagnarla dai carabinieri, ha denunciato gli aguzzini

">