Taras
Festa del cioccolato
Flashnews: 21 gennaio 2019
Alberobello e il giallo suicidi: la denuncia per un’impiccagione a Martina Franca

La moglie del 44enne Vito Mazzi ritiene sia stato ucciso. Altre due misteriose morti negli ultimi due anni

Flashnews: 20 gennaio 2019
Trinitapoli: omicidio in strada

Un uomo ucciso a colpi di arma da fuoco


Un 73enne di Foggia tra gli arrestati per sfruttamento della prostituzione, liberate otto ragazze dalla schiavitù

Una di loro, chiedendo a un cliente di accompagnarla dai carabinieri, ha denunciato gli aguzzini

Dalle otto del mattino alle dieci di sera. A prostituirsi, sulla strada statale 16. Una di loro ha chiesto a un cliente di accompagnarla dai carabinieri. Per denunciare. Non ce la faceva più, ha detto tutto ciò che fosse necessario per arrestare gli sfruttatori. Vittime bulgare, aguzzini pure e con loro, pure un italiano: un foggiano 73enne. In un casolare di Marina di lesina, in condizioni subumane, erano tenute rinchiuse le ragazze. In un casolare accanto una specie di ufficio, in cui erano tenuti anche i documenti delle vittime della schiavitù. Dovevano portare soldi e se erano pochi, dopo essersi prostituite dalla mattina alla notte, venivano pure picchiate. Anche alcune donne facevano parte del gruppi di sfruttatori: portavano, per esempio, i preservativi alle ragazze costrette a prostituirsi. Se accertate le responsabilità di questa gente, come si suol dire, buttate la chiave.

Le vittime della schiavitù, otto ragazze, sono libere e ospitate in strutture protette.

Bisogna salvare le tante, tantissime altre.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una di loro, chiedendo a un cliente di accompagnarla dai carabinieri, ha denunciato gli aguzzini

">