Flashnews: 16 dicembre 2017
Assassinio di Francesco Galeandro a Pulsano, dieci condannati

Taranto, rito abbreviato per l'omicidio di 17 mesi fa. Imputati: mandante e un esecutore, trent'anni di reclusione

Salento: sequestro di mezza tonnellata di droga a San Cataldo. Arrestato presunto narcotrafficante

Guardia di finanza: nella notte l'operazione originata da un avvistamento da parte dei militari del gruppo aeronavale di Taranto

Di seguito il comunicato della Guardia di finanza:

NEL CORSO DELLA NOTTATA ODIERNA, LE FIAMME GIALLE DEL COMANDO PROVINCIALE DI LECCE, UNITAMENTE A UNITA’ DEL SERVIZIO AEREO NAVALE, HANNO INFERTO A POCHI GIORNI DI DISTANZA DALL’ULTIMO INGENTE SEQUESTRO UN DURO COLPO AI NARCOTRAFFICANTI CHE NEGLI ULTIMI TEMPI STANNO OSANDO MAGGIORMENTE TENTANDO DI IMMETTERE SUL TERRITORIO NAZIONALE INGENTI QUANTITATIVI DI DROGA. IL TUTTO E’ INIZIATO NELLA NOTTE QUANDO UN ELICOTTERO DEL GRUPPO AERONAVALE DI TARANTO IN PERLUSTRAZIONE NEL CANALE D’OTRANTO HA AVVISTATO UN “TARGET” SOSPETTO CHE A VELOCITA’ SOSTENUTA DIRIGEVA DALLE ACQUE INTERNAZIONALI VERSO LE COSTE SALENTINE. UNA VOLTA INIZIATO IL MONITORAGGIO DALL’ALTO, SONO STATE ALLERTATE DALLA SALA OPERATIVA DI LECCE LE PATTUGLIE DEL DISPOSITIVO PREDISPOSTO IN QUESTI FRANGENTI CHE HA VISTO FINANZIERI DEL GRUPPO DI LECCE E DELLA COMPAGNIA DI OTRANTO DIRIGERSI TEMPESTIVAMENTE VERSO LA COSTA. CONTEMPORANEAMENTE UNA POTENTE UNITA’ NAVALE DEL CORPO PRESENTE NEL TEATRO DELLE OPERAZIONI, CONSENTIVA UNA “CORNICE DI SICUREZZA” IN MARE ONDE SCONGIURARE UNA FUGA A RITROSO DEI NARCOTRAFFICANTI VISTISI SCOPERTI E GIA’ INDIVIDUATI DALL’ALTO ATTRAVERSO SISTEMI SOFISTICATI DI VIDEORIPRESA ALL’INFRAROSSO.

LE IMMAGINI INEQUIVOCABILI IMMORTALAVANO TRE INDIVIDUI E UN NATANTE CARICO DI PACCHI SOSPETTI INTENTO A SPIAGGIARE IN LOCALITA’ SAN CATALDO-TORRE VENERI. GLI SCAFISTI, SI DAVANO PRECIPITOSAMENTE ALLA FUGA INCALZATI DALLA PRESENZA IN CIELO DELL’UNITA’ AEREA DEL CORPO E DALLE PATTUGLIE TERRESTRI CHE A TUTTO GAS GIUNGEVANO SUL LUOGO. AGLI OCCHI DEI FINANZIERI DEL GRUPPO DI LECCE E’ APPARSA COSI’, ALLA LUCE DEI RIFLETTORI, UN’IMBARCAZIONE IN VETRO RESINA DOTATA DI UN POTENTE MOTORE FUORIBORDO E, STIPATI ALL’INTERNO NUMEROSI INVOLUCRI CONTENENTI 510 KG. DI MARIJUANA PURISSIMA. NELLA RETE DEI BASCHI VERDI E’ FINITO UN CITTADINO ALBANESE, IL QUALE, BRACCATO DAI MILITARI NEL BUIO DELLA PINETA CIRCOSTANTE OVE TENTAVA DI DARSI ALLA FUGA, E’ STATO RICONOSCIUTO DAGLI INDUMENTI BAGNATI, RIPRESI ANCHE DALLE TELECAMERE DEL MEZZO AEREO. IL SOGGETTO E’ STATO ARRESTATO E CONDOTTO PRESSO LA CASERMA DI PIAZZETTA DEI PERUZZI UNITAMENTE AL NATANTE SEQUESTRATO. DEL TUTTO E’ STATA INFORMATA LA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI LECCE NELLA PERSONA DEL MAGISTRATO DI TURNO, DOTTORESSA STEFANIA MININNI, CHE COORDINA LE INDAGINI DEL CASO. ANCORA UNA VOLTA, IL DISPOSITIVO PREDISPOSTO DAL COMANDO REGIONALE PUGLIA DELLA GUARDIA DI FINANZA SI E’ RIVELATO EFFICACE CONFERMANDO LA COSTANTE PRESENZA DELLE ISTITUZIONI A TUTELA DEGLI INTERESSI DELLA COLLETTIVITA’ ED EVITANDO LA MESSA IN CIRCOLAZIONE NELLA PENISOLA DI COTANTO STUPEFACENTE (VALORE SUL MERCATO DI CIRCA 5 MILIONI DI EURO). LE INDAGINI, AFFIDATE AL GRUPPO DI LECCE, SONO IN QUESTE ORE IMPRONTATE ALLA RICERCA DEI COMPLICI DELL’ALBANESE ARRESTATO E ALL’INDIVIDUAZIONE DEI CANALI DI APPROVVIGIONAMENTO IN COLLABORAZIONE CON I COLLEGHI DEL SERVIZIO AERONAVALE.

leccedroga mezza tonnellata

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *