Nuova costruzione
Flashnews: 19 marzo 2019
Giornalista salentina ripetutamente minacciata di morte, “confermare subito la scorta”

Per Marilù Mastrogiovanni la sollecitazione dell'eurodeputata Rosa D'Amato, il ministero dell'Interno "non può permettersi di perdere altro tempo"


Taranto: violenza sessuale, assolto marocchino

Non ha commesso il fatto. Rischiano l'incriminazione per calunnia e falsa testimonianza, a vario titolo, una ragazza e il fidanzato

Un marocchino 31enne è stato assolto, a Taranto, per non avere commesso il fatto. Ovvero, la violenza sessuale in spiaggia a Castellaneta Marina, cosa di cui lo accusavano una ragazza e il fidanzato di lei. Nel racconto sono emerse contraddizioni, stando a ciò che poi ha portato all’esito del processo. Ora per la coppia il rischio di incriminazione per calunnia (la 17enne) o falsa testimonianza (il ragazzo).

Il tribunale presieduto dal giudice Fulvia Misserini e composto da sole donne ha disposto la scarcerazione immediata del giovane africano. Anche il pubblico ministero aveva chiesto l’assoluzione.

Si ricorderà che la Lega organizzò una molto inopportuna ronda in spiaggia traendo spunto dallo stupro commesso dall’extracomunitario. Che però non ha commesso proprio niente, secondo il giudice. Il deputato leghista Rossano Sasso, durante quella ronda, parlò del marocchino come di “bastardo irregolare sul nostro territorio” e il ministro Salvini, su twitter, scrisse che “nel Decreto sicurezza che ho in testa bestie come lui saranno prontamente rimandate al loro Paese.” Adesso, come minimo, le scuse a un uomo innocente, questi individui saranno in grado di pronunciarle?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non ha commesso il fatto. Rischiano l'incriminazione per calunnia e falsa testimonianza, a vario titolo, una ragazza e il fidanzato

">