Taras
Flashnews: 10 dicembre 2018
Dichiarazione universale dei diritti umani, settanta anni fa

Venne firmata a Parigi il 10 dicembre 1948. Amnesty: Italia, gestione repressiva dei migranti


Ilva: il Codacons chiede l’evacuazione del rione Tamburi di Taranto

Anche un nuovo sequestro degli impianti del siderurgico. Ricorso al presidente della Repubblica

Carlo Rienzi, responsabile del Cidacons: chiederemo l’evacuazione del riobe Tamburi e la sistemazione dei cittadini in altre zone. Chiederemo un nuovo sequestro degli impianti del siderurgico di Taranto. In una conferenza stampa, Rienzi ha parlato del ricorso straordinario al capo dello Stato. Tutto ciò perché chi ha incassato miliardi deve pagare, per l’ambientalizzazione. I cittadini non possono vivere in queste condizioni. Il rione Tamburi, secondo stime, è abitato da circa diciottomila persone.

Stralcio del comunicato Codacons:

Ricorso straordinario al Consiglio di Stato promosso dal Codacons assieme a circa 40 vittime dell’inquinamento ambientale di Taranto, con cui si chiede l’annullamento del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29/9/2017, anche nella parte in cui non ha previsto le misure necessarie al ristoro dei danni che i cittadini di Taranto hanno subito e continuano a subire per le emissioni e l’inquinamento causato dall’Impianto ILVA.
Proprio a tutela della salute degli abitanti di Taranto e dopo decine di “wind days” e chiusure delle scuole, il Codacons chiede l’evacuazione immediata del quartiere Tamburi e la collocazione dei residenti in sistemazioni sicure, fino a che la situazione Ilva non sarà risolta e l’inquinamento ambientale dell’area del tutto debellato.

(foto home page: repertorio)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anche un nuovo sequestro degli impianti del siderurgico. Ricorso al presidente della Repubblica

">