L'arca

Electronics Time


Molfetta: fidanzato geloso e violento. Arrestato dai carabinieri Canosa: bazar dei pezzi d'auto rubati. Bari, Trani, Bisceglie: controlli e arresti

canosa carabinieri 1

Di seguito alcune comunicazioni diffuse dai carabinieri:

I Carabinieri della Stazione di Molfetta hanno arrestato un 20enne del luogo con le accuse di sequestro di persona, rapina e lesioni personali. Tutto ha avuto inizio nel primo pomeriggio il giovane si è incontrato con la sua fidanzata appena diciottenne. Ne è nata una lite verosimilmente scaturita da motivi di gelosia nel corso della quale il ragazzo, alterato per l’assunzione di alcolici, ha aggredito la ragazza sferrandole numerosi calci e schiaffi. La malcapitata ha cercato di scappare ma è stata trattenuta con forza dal fidanzato che ha continuato a colpirla. Inutile  il tentativo della vittima di chiamare aiuto con il cellulare perché il giovane ha pensato bene di privarla del dispositivo. Provvidenziale è stata una telefonata al numero di emergenza “112” fatta da alcuni testimoni che ha consentito ai carabinieri di intervenire prontamente sul posto bloccando il 20enne. La giovane soccorsa da personale sanitario del locale ospedale ha riportato alcuni traumi al viso mentre il 20enne, su disposizione della Repubblica di Trani, è stato collocato ai domiciliari.

—–

canosa carabinieriAveva adibito un opificio ad officina meccanica per lo smontaggio e la vendita sul mercato nero di auto e pezzi di ricambio di provenienza furtiva. E’ quanto hanno scoperto a Canosa di Puglia i Carabinieri della locale Stazione che hanno arrestato un 46enne pregiudicato di Cerignola con l’accusa di ricettazione. Allo scopo di distogliere ogni attenzione, sul cancello d’ingresso dello stabile era presente un cartello “Affittasi”. L’acume investigativo degli operanti però si è spinto oltre l’apparenza ed a seguito di perquisizione locale hanno rinvenuto una Volkswagen Golf ed una Peugeot 308 rubate il giorno prima nonché numerosi pezzi di ricambio e interi motori di varie marche per un valore complessivo di 120.000 euro. Le indagini sono ancora in corso al fine di ricostruire la filiera degli autodemolitori e dei ladri d’auto che si servivano presso il centro di ricettazione individuato.

—–

Si è concluso con tre arresti e 9 denunce in stato di libertà un servizio straordinario di controllo del territorio effettuato nei quartieri Carbonara e Picone del capoluogo pugliese dai Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo finalizzato a prevenire e reprimere i reati predatori ed il fenomeno della detenzione a spaccio di droga. 

In particolare, un 31enne, un 35enne e un 40enne di Bari sono stati arrestati, in differenti circostanze, in esecuzione di tre ordini di carcerazione rispettivamente per dei furti aggravati commessi a Potenza nel 2012  e nel 2013, per detenzione a spaccio di sostanze stupefacenti e per traffico di droga.

Nove soggetti di età compresa tra i 15 ed i 44 anni sono stati deferiti in stato di libertà per diversi reati: una per inosservanza dei provvedimenti dell’A.G, una per possesso ingiustificato di chiavi e grimaldelli, una per evasione, una per furto, e 5 per ricettazione.

Nel corso del servizio inoltre 10 sono stati i giovani segnalati alla competente Autorità quali consumatori di droga poiché trovati in possesso di complessivi 10 grammi tra hashish e marijuana, sottoposti a sequestro. 40 sono stati i soggetti agli arresti domiciliari e sottoposti alla sorveglianza speciale di P.S. controllati, 64 le persone identificate a bordo di 42 veicoli, 20 le perquisizioni domiciliari e personali eseguite, 5 i mezzi sottoposti a fermo amministrativo e 15 le contravvenzioni al C.d.S. elevate.

Su disposizione della Procura della Repubblica di Bari il 31enne è stato associato presso la locale casa circondariale mentre il 35enne ed il 40enne collocati ai domiciliari.

—–

 

Un servizio straordinario di controllo del territorio è stato effettuato nel fine settimana dai Carabinieri della Compagnia di Trani, coadiuvati dai colleghi della Tenenza di Bisceglie e delle Stazioni di Corato e Ruvo di Puglia, finalizzato a prevenire e reprimere la commissione in quei centri abitati di reati contro il patrimonio ed in materia di sostanze stupefacenti, nonché di tutti quei comportamenti che incidono sulla sicurezza degli utenti della strada, quali eccesso di velocità, guida in stato di alterazione psico-fisica da consumo di alcool/stupefacenti, guida pericolosa e/o senza patente.

A Bisceglie, a finire manette è stato un 63enne del luogo in esecuzione di una  provvedimento di condanna a 4 anni e 9 mesi emessa dall’A.G. di Bari per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, commessa in quel centro negli anni ‘90. L’uomo è stato associato presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare.

Sempre a Bisceglie è stato denunciato un 21enne poiché sorpreso alla guida di un’autovettura in stato di alterazione psicofisica dopo aver fatto uso di droga. A seguito di perquisizioni personali e domiciliari, svolte anche con l’ausilio di unità cinofile, sono state segnalate alla competente Autorità, quali consumatori di stupefacenti, una donna di Ruvo di Puglia e due minorenni di Trani poiché sorpresi con 5,5 grammi tra hashish e marijuana.

L’attività è stata inoltre indirizzata anche al controllo “a tappeto” di 150 soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale ed a quelle di prevenzione.

Nel corso del week end sono state complessivamente controllati dai militari 260 persone e 170 mezzi, elevate 2 sanzioni al Codice della Strada per  guida senza cinture di sicurezza, 3 per mancanza di copertura assicurativa, ritirati 3 documenti di circolazione e di guida, e sequestrati 4 veicoli.




endsac noinotizie2

allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *