Flashnews: 19 agosto 2017
Foggia: incidente, morto il 29enne Simone Giuliani di San Severo

Strada statale 90, ferito l'altro occupante dell'auto uscita di strada

Martina Franca: le 40 abitazioni riallacciate alla rete del gas da Enel energia

I condòmini si erano rivolti all'avvocato e avevano presentato un esposto alla magistratura, alla Guardia di finanza, all'Autorità per l'energia e al ministero dello Sviluppo economico, a causa del ritardo superiore al mese

Alle 10 odierne è tornato il gas nelle quaranta (e oltre) abitazioni di vico I Rossini 37-43 a Martina Franca. I condòmini hanno dovuto fare ricorso all’avvocato, Francesco Terruli, e ad un esposto alla procura della Repubblica, nonché alla Guardia di finanza, all’Autorità per l’energia e al ministero dello Sviluppo economico. Dal 19 novembre, o meglio dal 3 del mese scorso, attendevano che venisse ripristinata l’erogazione ma, almeno fino a stamattina, invano.

Enel energia ha provveduto celermente, in queste ultime ore, appunto dopo l’iniziativa degli abitanti in quelle case, ciò di cui avevamo già parlato nei giorni scorsi. Vicenda originata dal fatto che il vecchio amministratore di condominio, secondo l’esposto-denuncia presentato, non aveva versato 13158 euro ad Enel energia, facendo risultare morosi gli ignari residenti in quei palazzi. Il 3 novembre, cambiato l’amministratore, pagata di nuovo la notevolissima cifra, quelle famiglie pensavano di essere a posto. In più, il 19 del mese scorso era stato anche firmato un nuovo contratto con Enel energia. Ma del gas, con l’impianto centralizzato in quei palazzi, neanche la puzza nelle case. Nel frattempo, il calo delle temperature e l’umidità hanno provocato i loro danni, anche di salute a carico di anziani e anche ragazzi, uno dei quali finito al pronto soccorso con una diagnosi di broncopolmonite. Stamani, tutto risolto e, in extremis, il Natale sarà al caldo, per quelle persone. Un messaggio “grazie di tutto” alla nostra redazione (e al tgnorba, nonché lettera22news.it che con noi si sono occupati della vicenda) ne è stato la conferma.

dav

dav

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *