Flashnews: 19 giugno 2018
Oria: furti di auto con il balletto e per il “cavallo di ritorno”, dieci arrestati NOMI

Accusa: macchine rubate nelle province di Brindisi, Lecce e Taranto

Flashnews: 19 giugno 2018
Taranto: omicidio di Mario Reale e altri reati, sette arresti

Operazione della polizia. Contestazioni a vario titolo


Elezioni politiche 2018, banche: M5S, un candidato in Puglia è nelle stesse condizioni della Boschi

Gianpaolo Cassese, in lizza nel collegio di Martina Franca, figlio di un imputato per il crac della banca Valle d'Itria. I grillini e la loro battaglia in parlamento nei confronti del ministro figlia di indagato per il caso Banca Etruria. Potenza: candidato per riciclaggio il presidente della squadra di calcio, candidato M5S

Aldo Cassese (nato a Villa Castelli il 6 dicembre 1941) è fra i 16 imputati, gravati di richieste di rinvio a giudizio, nel processo per il crac della banca Valle d’Itria e Magna Grecia. Udienza preliminare il 24 aprile.

Suo figlio Gianpaolo è candidato alla Camera nel collegio uninominale 11 della Puglia. Il collegio di Martina Franca. Candidato del movimento 5 stelle.
Quello stesso movimento che ha fatto, in parlamento, ferro e fuoco nei confronti di Maria Elena Boschi, fino alla mozione di sfiducia individuale. Caso scatenante: il padre della Boschi è indagato nel caso Banca Etruria.
Ora, sia il padre di Cassese, sia il padre della Boschi, sono innocenti fino a prova del contrario (così come lo è il candidato Donato Pentassuglia rispetto al processo Ilva, per intendersi. Infatti è regolarmente candidato). Questo è sacrosanto. Né, qualora ve ne siano oltretutto, le colpe dei padri ricadono sui figli.
Ma il movimento 5 stelle come giudica l’andamento delle cose? Se lo fanno gli altri va male, ancora prima del giudizio, e se lo fanno loro va bene, ancora prima del giudizio?
Crac banca valle d’Itria e Magna Grecia: secondo l’accusa, buco di tre milioni di euro. Duemila piccoli risparmiatori a mare. Senza salvagente. Di Maio, rispetto a tutto ciò, che dice?

Certo, è un problema meno rilevante rispetto a quello di Potenza. Il candidato Caiata (che è presidente della società di calcio) è indagato per riciclaggio, altra nuova grana M5S. Caiata, anche con kazaki e rumeni, è indagato dalla procura di Siena. In Toscana aveva vissuto ed era divenuto un considerevole imprenditore nella ristorazione, prima di fare ritorno in Basilicata.

Per un errore non era stato inizialmente citato essere richiesta di rinvio a giudizio ma rinvio a giudizio. Di ciò ci scusiamo

Aggiornamento a questo link:

Elezioni politiche 2018: il candidato M5S, “essere paragonato alla Boschi mi fa sorridere” | Gianpaolo Cassese, figlio di imputato per il crac della banca valle d’Itria, rifiuta parallelismi con il ministro. “Una non notizia che non mi riguarda”

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *