Taras
Flashnews: 23 settembre 2018
San Giovanni Rotondo: la notte di san Pio

Cinquanta anni fa la morte del frate di Pietrelcina. Alle 2,32 commemorato il beato transito nella veglia celebrativa

Flashnews: 22 settembre 2018
Legge 104: Aeroporti di Puglia, cinque dipendenti rischiano il licenziamento

Secondo gli addebiti mossi a vario titolo erano in permesso, in spiaggia o al ristorante senza le persone da assistere


Otto batterie per impianti Vodafone rubate a Mottola, arrestati nel brindisino due pregiudicati baresi

Il bottino era stato ingente

Di seguito un comunicato diffuso dai carabinieri:

I Carabinieri della Stazione di San Pancrazio Salentino a seguito di comunicazione telefonica pervenuta dalla centrale Operativa della Compagnia di Francavilla Fontana si sono attivati nelle ricerche a seguito del furto avvenuto in Mottola di 8 batterie per impianto di centrale telefonica di proprietà della società Vodafone Italia spa.

Pertanto nell’ambito di un posto di controllo alla circolazione stradale istituito sulla SP 69 Torre S. Susanna-Mesagne e San Pancrazio hanno fermato un furgone fiat Scudo di colore rosso condotto da due persone con gravate da pregiudizi penali, originari della provincia di Bari. I militari nel corso della perquisizione all’interno del furgone hanno rinvenuto diverse batterie e con l’ausilo di pattuglia di rinforzo dell’aliquota radiomobile sono stati condotti nella Stazione di San Pancrazio per gli opportuni approfondimenti.

Dagli accertamenti è emerso che 8 batterie provengono dall’impianto della centrale telefonica di contrada “Stingeto” del comune di Mottola (TA) mentre riguardo alle ulteriori 45 batterie rinvenute sono in corso accertamenti finalizzati ad individuare il sito da dove sono state asportate. I manufatti, tutti sottoposti a sequestro, hanno un valore complessivo di circa 16.000€ e sono di vitale importanza per la funzionalità dell’impianto. I ricettatori un 44enne e un 43enne della provincia di Bari dovranno rispondere del reato di ricettazione in concorso, nonché del possesso di chiavi alterate e grimaldelli.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il bottino era stato ingente

">