Taras
Flashnews: 23 settembre 2018
San Giovanni Rotondo: la notte di san Pio

Cinquanta anni fa la morte del frate di Pietrelcina. Alle 2,32 commemorato il beato transito nella veglia celebrativa

Flashnews: 22 settembre 2018
Legge 104: Aeroporti di Puglia, cinque dipendenti rischiano il licenziamento

Secondo gli addebiti mossi a vario titolo erano in permesso, in spiaggia o al ristorante senza le persone da assistere


Quanto costa il Corecom ai pugliesi

Comitato regionale per le comunicazioni

Di Nino Sangerardi:

La spesa,anno 2018, è pari a 811.423,61 euro. Impegnata dal Consiglio regionale e Agcom per tenere in vita il Comitato pugliese per le comunicazioni. Ente nato con Legge regionale del 28 febbraio 2000. Cambiata nel 2012(presidenti Vendola-Introna) riducendo i componenti da 5 a 3,modificata a dicembre 2017(presidenti Emiliano-Loizzo, norma n.40 votata dalla maggioranza di centrosinistra più centrodestra) riportando i membri del Corecom da tre a cinque. Quest’ultimi sono Lorena Saracino presidente,Francesco Di Chio vicepresidente, Felice Blasi presidente Corecom uscente, Elena Pinto già componente Corecom,Marigea Cirillo : tutti e cinque giornalisti.
Il compenso lordo mensile per il presidente è 3.014,70 euro,vicepresidente euro 2.110,30,componenti euro 1.799,00 ciascuno.
Una struttura utile a che cosa? “ Assicurare a livello territoriale le necessarie funzioni di governo garanzia e controllo in tema di comunicazioni,nonché organo funzionale dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni”.
Corecom svolge,inoltre, attività di ricerca e monitoraggio del sistema comunicativo,incentiva la qualità dei contenuti della comunicazione regionale,organizza convegni e seminari,preposto alla tenuta del registro degli operatori della comunicazione.
Tra le iniziative finanziate dal Corecom si riscontra il progetto “Comunicazione politica e referendum in Puglia. Dal dibattito alla Costituente alle campagne referendarie” affidato all’Università degli Studi del Salento dipartimento storie e studi sull’uomo al prezzo di 25 mila euro; la ricerca “L’invenzione della Puglia. Il racconto della trasformazione nello sguardo della Rai” realizzata dall’Università degli Studi di Bari dipartimento Scienze politiche e costata 25 mila euro; “Indagine conoscitiva sullo stato dell’informazione in Puglia” espletata dall’Università degli Studi di Bari dipartimento formazione e psicologia e comunicazione per euro 25 mila; quindi “Il ruolo dell’informazione durante il Piano Marshall(Erp) nel contesto della società pugliese e meridionale” commissionato all’Istituto pugliese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia e pagato 25 mila euro; la somma di 10 mila euro al 1° Forum delle giornaliste del Mediterraneo con dibattito su “ Che genere di notizie. Che genere di guerra?” organizzato dall’Associazione GIULIA giornaliste unite libere e autonome; e, dulcis in fundo, il contributo di 19.200 euro più Iva in favore dell’Associazione Emittenti radio pugliesi che ha promosso “Indagine sulle emittenti radiofoniche locali e sull’ascolto radiofonico in Puglia”.
Il costo annuale delle indennità spettanti ai membri del Corecom somma euro 198.386,28 mentre rimborso spese per missioni euro 10 mila, rimborso spese viaggio euro 30.000,00. Le funzioni proprie del Comitato vengono finanziate con 392 mila euro,per quelle delegate c’è il sovvenzionamento, euro 181.037,33, da parte dell’Agcom.
Per quanto riguarda il personale ci sono sette funzionari di categoria D,tre categoria C e quattro categoria B. Direttore è Francesco Fabio Plantamura, dirigente dipartimento risorse finanziarie,personale,ufficio e-procurement della Regione Puglia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comitato regionale per le comunicazioni

">