Caos Ryanair, CittadinanzAttiva Puglia chiede di essere presente nel procedimento istruttorio dell’Antitrust

Iniziative dell'organizzazione di impegno civico

Di seguito il comunicato di Cittadinanzattiva Puglia:

L’annullamento di un volo non è solo questione di diritti, ma anche di dignità dei passeggeri e, pertanto, coloro che sono rimasti vittima delle cancellazioni dei voli da parte della Ryanair, hanno non solo diritto alla compensazione pecuniaria, ma anche al rimborso supplementare per le spese e, finanche, l’eventuale risarcimento del danno ove ne ricorrano le circostanze, così come confermato anche dalle sentenze di merito ottenute da Cittadinanzattiva e da altre associazioni a tutela dei consumatori”.

Così il vicesegretario regionale di CittadinanzAttiva Puglia, Angelo Fanelli, sul caos Ryanair e sui disguidi nati nelle ultime settimane.

Il disagio non si limita alla sola cancellazione del volo, ma va esteso a tutte le conseguenze organizzative che i viaggiatori hanno dovuto fronteggiare nel riprogrammare i propri impegni e quelli delle proprie famiglie. Peraltro – aggiunge Fanelli- è assolutamente inammissibile che i consumatori possano ritenersi soddisfatti dai voucher che la compagnia irlandese sta offrendo via email ai propri clienti, atteso che serve ben altro a recuperare la credibilità e la fiducia nei confronti dei viaggiatori”.

Ed è proprio questo, a parere di Cittadinanzattiva Puglia, il nodo cruciale della questione, atteso che la motivazione ufficiale delle cancellazioni è stata quella della programmazione delle ferie dei piloti e degli assistenti di volo per migliorare la puntualità dei voli.

Pare assai strano che una azienda delle dimensioni di Ryanair debba affrontare un simile danno di immagine ed esporsi a rimborsi di milioni di euro a causa di una questione meramente organizzativa. È da tempo – spiega Fanelli- che si sono diffuse notizie sulle denunce dei lavoratori della compagnia irlandese circa il mancato rispetto dei loro diritti e su questo Ryanair dovrebbe delle spiegazioni più precise anche ai passeggeri, anche in termini di sicurezza dei propri voli che non possono prescindere dal rispetto dei diritti del personale di volo e di terra, delle loro ferie e, soprattutto, del corretto riposo dei piloti”.

Sul punto l’Enac è intervenuta rassicurando che, fino ad ora, non siano state rilevate circostanze tali da mettere a rischio la sicurezza dei voli, ma, “alla luce delle stesse dichiarazioni della compagnia aerea, sarebbe opportuna una procedura che assicuri maggiore trasparenza sulla verifica del rispetto delle regole”.

Cittadinanzattiva ha già chiesto di essere presente nel procedimento istruttorio aperto dall’Antitrust nei confronti del vettore aereo irlandese per presunte pratiche commerciali scorrette in violazione del Codice del Consumo. In Puglia, Cittadinanzattiva e, in particolare la sua rete dei Procuratori dei Cittadini, oltre ad offrire consulenza presso i propri centri di tutela presenti quasi su tutto il territorio regionale ed a mettere a disposizione i propri legali convenzionati, sarà attivo soprattutto dal punto di vista civico.

 “Il nostro impegno- afferma Angelo Fanelli, Vice Segretario regionale- è diretto anche alla valutazione dell’atteggiamento della compagnia aerea nella gestione di questa criticità e, nel caso in cui le risposte non dovessero soddisfare gli interessi dei cittadini, andremo anche ad ipotizzare eventuali operazioni che possano stimolare i consumatori verso scelte di consumo critico e consapevole nei confronti del trasporto aereo”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *