Taras
Flashnews: 11 dicembre 2018
San Giovanni Rotondo: incendio in casa, morto 26enne disabile

Nel centro storico. Il sindaco: necessario un distaccamento dei vigili del fuoco

Flashnews: 11 dicembre 2018
Bari: sequestrata la sede di Casapound

Inchiesta su aggressione ad esponenti della sinistra a fine settembre. Ventotto indagati per riorganizzazione del partito fascista


Calcio: Gabriele Gravina, un candidato alla presidenza Figc arriva da Castellaneta

La legapro all'unanimità ha approvato il suo programma. Elezione del nuovo presidente federale, il 29 gennaio

Gabriele Gravina è, di fatto, il candidato della legapro alla presidenza della federazione italiana giuoco calcio. Il 64enne manager di Castellaneta, che della legapro è l’attuale presidente, ha ottenuto l’unanimità dei consensi da parte delle 57 società partecipanti alla serie C. Ora dovrà formalizzare la candidatura.
L’elezione del presidente Figc avrà luogo il 29 gennaio, per sostituire Carlo Tavecchio già nella storia del calcio italiano per la mancata qualificazione della nostra nazionale al prossimo campionato del mondo.
La concorrenza, per il candidato pugliese, è agguerrita e il panorama è tutt’altro che chiaro. Il presidente della lega dilettanti, l’avellinese Sibilia, prova a diventare presidente, con l’appoggio della parte numericamente più consistente del movimento calcistico. Fra l’altro, Sibilia prova anche a riottenere un seggio al Senato (gruppo Forza Italia). I calciatori e l’assoallenatori sostengono quello che per primo ha formalizzato la candidatura, Damiano Tommasi. Emerge da qualche giorno l’ipotesi di candidatura dell’ex difensore del Milan, Alessandro Costacurta. Non è tuttora chiaro da chi sia espresso. Ancora devono scoprire le loro carte, fra gli altri, arbitri, lega B e lega A. Commissariata, attualmente: il commissario è Carlo Tavecchio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La legapro all'unanimità ha approvato il suo programma. Elezione del nuovo presidente federale, il 29 gennaio

">