Velga

Electronics Time


Ferrovie sud est, più di un anno ancora per avere una situazione normale. Ma potranno occorrere tre anni, per alcune zone della Puglia La terribile situazione di quell'azienda al centro del confronto fra governatore pugliese e amministratore delegato Fs

martina stazione fse vuota

Cari viaggiatori delle ferrovie sud est, scordatevi di avere qualcosa di meglio della situazione attuale, prima della fine del 2018. Sempre che orbitiate nell’anello di Bari. Perché se utenti del servizio in altre zone della rete, potranno occorrere anche tre anni.

Questo è il senso dell’esito del confronto, durato quattro ore ieri a Roma, fra il governatore della Puglia e l’amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello Stato. Si è parlato, in generale, del sistema dei trasporti nella regione ma l’emergenza delle emergenze è quella delle Fse, con treni rotti, necessità di andare a non più di cinquanta all’ora, pullman che è meglio non parlarne, un servizio indecente. Fs ha acquisito l’azienda quando era sull’orlo del fallimento e, fa capire Mazzoncini, ci vuole il suo tempo, per tornare a qualcosa di normale. Anello di Bari: entro la fine dell’anno prossimo. Resto della rete: entro il 2020.

Emiliano ha presentato a Mazzoncini un dossier: è finalizzato a realizzare in Puglia un sistema ferroviario unico del trasporto locale.




allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *