Velga

Electronics Time


Migranti/1: nuova disgrazia in mare, 17 morti. Migranti/2: gruppo aeronavale della Guardia di finanza di Taranto, operazione Triton Coordinamento delle operazioni, impiegato anche un pattugliatore britannico

pattugliatore inglese 2

In serata è giunta la notizia di un’altra disgrazia riguardante i migranti. Una nave della Marina ha soccorso un barcone al largo della Sicilia, 217 profughi salvati; 17 i morti.

Sul piano organizzativo, in generale, le operazioni di aiuto ai migranti vedono coinvolta direttamente la Puglia. Di seguito un comunicato diffuso dal gruppo aeronavale della Guardia di finanza di Taranto:

pattugliatore ingleseE’ ormeggiato nel porto di Taranto il Pattugliatore inglese “”SEEKER””, della U.K. Border Agency (Dogana britannica); si tratta di una unità navale di 43 metri di lunghezza, che permarrà a Taranto sino al 30 settembre 2015.
Il rischieramento del Pattugliatore inglese a Taranto rientra nelle iniziative di potenziamento dei dispositivi aeronavali esteri impiegati nell’ambito dell’Operazione TRITON 2015, promossa dall’Agenzia europea FRONTEX per il contrasto al traffico internazionale di migranti.
Il coordinamento delle attività dell’unità navale inglese è affidato al Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza di Taranto, che svolge la funzione di Local Coordination Centre (L.C.C.) delle operazioni Frontex nelle aree marittime, anche internazionali, della Puglia meridionale e della Calabria ionica, sino al confine con le acque greche ed albanesi, secondo le direttive dell’International Coordination Centre (I.C.C.), istituito presso il Comando Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Pomezia.
pattugliatore inglese 2L’obiettivo è quello di intensificare il pattugliamento aeronavale con l’impiego degli assetti aeronavali delle forze di polizia comunitarie, che partecipano all’operazione TRITON, nello Ionio e nel Canale d’Otranto, per assicurare il controllo delle frontiere marittime comunitarie e nazionali, il contestuale eventuale soccorso ai migranti e la ricerca e cattura degli scafisti responsabili del traffico illecito.




allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *