L'arca

Electronics Time


Minaccia di morte l’anziano padre, arrestato a Bari. Lite a Molfetta, un arresto Altri arresti per furti da parte dei carabinieri

carabinieri

A Bari i carabinieri hanno arrestato nelle scorse ore un uomo di 46 anni. Aveva minacciato di morte il padre 78enne, durante una lite per futili motivi.

Nel barese: a Bitritto arrestati due baresi, di 47 e 31 anni, beccati a rubare due divani da un mobilificio. Invece ad Altamura, arrestato un 24enne e denunciato il suo complice minorenne; avevano rubato i documenti da una Fiat 500. A Corato, un ragazzo di 19 anni e uno di 20, del posto, sono stati arrestati dopo essere stati sorpresi mentre portavano via barre di ferro rubate da un’azienda.

Infine, dal comunicato di seguito, ecco quanto accaduto in nottata a Molfetta:

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile e della Stazione di Molfetta sono intervenuti alle prime ore della mattina di sabato, quando un cittadino aveva segnalato un violento litigio tra un uomo ed una donna. Giunti sul posto, i militari si sono imbattuti in un 40enne già noto alle Forze dell’Ordine, nonostante l’orario inconsueto palesemente sotto l’effetto di alcolici, che si era scagliato violentemente contro la propria compagna. La violenza e lo stato d’alterazione dell’uomo hanno reso necessario l’intervento di più militari, a cui si sono aggiunti due Carabinieri che in quel momento non si trovavano in servizio ma passando nei pressi avevano assistito alla scena. Di fronte ai Carabinieri, il 40enne ha prima tentato di darsi alla fuga con l’auto della donna, danneggiando delle fioriere pubbliche nonché l’auto militare, poi si è scagliato con violenza  contro gli operanti, che hanno riportato alcune contusioni ed escoriazioni non gravi. Finalmente reso innocuo con non poca fatica, l’uomo è stato tratto in arresto per resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale, danneggiamento e lesioni. Su disposizione della Procura della Repubblica è stato associato alla casa circondariale di Trani.




endsac noinotizie2

allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *