Velga

Electronics Time


Siderurgico di Taranto, “altra tragedia sfiorata”

Usb: la fabbrica cade a pezzi. Arcelor Mittal: nessun danno a persone

 

Di seguito il comunicato Arcelor Mittal:

ArcelorMittal Italia informa che questa mattina, nel magazzino spedizione a freddo (MAF) dello stabilimento di Taranto, era in corso l’attività di spostamento coil mediante carroponte. Mentre si svolgevano le operazioni di discesa, il carico aumentava la sua velocità e quindi il gruista, nel tentativo di fermare la manovra, ha immediatamente inserito il comando di salita e quindi di emergenza. L’intero carico, data l’altezza limitata della caduta, si è adagiato al piano magazzino senza causare danni a persone e cose. Lo stesso rotolo non ha subito alcun danneggiamento. Sono in corso verifiche elettriche e meccaniche.

Di seguito il comunicato Usb:

Questa mattina è toccato al reparto LAF essere teatro dell’ennesimo espisodio che ha messo a rischio la vita di atri operai. Il carroponte 5 ha perso pinza e bozzello che sono precipitati al suolo. Solo per una casualità non sono stati coinvolti lavoratori perché pochi minuti prima la stessa gru caricava i rotoli su un camion e successivamente si apprestava a liberare la linea. Aree, queste, interessate dalle attività dei lavoratori, quindi tragedia sfiorata.

A pochi giorni dal tragico episodio che ha coinvolto Cosimo Massaro l’USB ribadisce che in queste codnizioni gli impianti dello stabilimento ArcelorMittal di Taranto vanno fermati. Non ci sono le condizioni di sicurezza necessarie affinché possano svolgersi le normali attività dei lavoratori perché gli impianti versano in uno stato vetusto, fatiscente e non vengono sottoposti ad operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria.

La fabbrica che cade a pezzi va fermata altrimenti piangeremo altri morti.




allegro italia

Articoli correlati

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *