Velga

Electronics Time


Bari: i pm impugnano l’assoluzione di Antonio Decaro E per il consigliere regionale Mazzarano richiesta di rinvio a giudizio insieme a Tarantini

sentenza

Lo scorso dicembre Antonio Decaro venne assolto dall’accusa di concorso in tentato abuso d’ufficio. Era il processo di primo grado. Ora la pubblica accusa ha impugnato quell’assoluzione, si andrà dunque al secondo grado del giudizio nei confronti dell’esponente politico barese.

Intanto il consigliere regionale Michele Mazzarano ha subìto la richiesta di rinvio a giudizio da parte della pubblica accusa a Bari, nell’udienza preliminare la cui decisione è prevista per il 10 luglio. Illecito finanziamento ai partiti è ciò di cui deve rispondere, insieme a Giampaolo Tarantini. Presunto illecito, il finanziamento da diecimila euro per pagare il concerto di chiusura della campagna elettorale Pd di sei anni fa, in vista delle politiche. L’indagine ha riguardato anche l’ipotesi di favoritismi da parte di Mazzarano verso Tarantini, presso il sistema sanitario pubblico, con promessa di finanziamento di cinquantamila euro per l’esponente politico. E un’altra inchiesta ancora riguarda un’ipotesi di tangente da sessantamila euro, per Mazzarano da parte di Tarantini, per l’ottenimento di un appalto all’Asl di Taranto. Vinse una coop foggiana che secondo l’accusa, tramite Tarantini, diede i soldi a Mazzarano.




allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *