Velga

Electronics Time


Matera capitale della cultura, pizzica e tanta Puglia al Grand bal d’Italie di Bruxelles Gala di beneficenza promosso dal Comites presieduto dal sanseverese Raffaele Napolitano, segretaria generale la barese Benedetta Dentamaro

IMG 20191211 135503

La quarta edizione del Grand bal d’Italie, il galà di beneficenza del Comitato degli italiani all’estero (Com.It.Es.) di Bruxelles, tenutasi il 7 dicembre nella capitale belga, è stata dedicata alle città e regioni del Bel Paese.

Un posto d’onore era riservato a Matera, capitale europea della cultura 2019 e patrocinante della manifestazione, attraverso alcuni scatti originali della mostra fotografica ‘Souvenir d’Italie’, presentata in anteprima al galà dal collettivo tarantino ‘Welcome in Passione Foto’ e esposta questa settimana al Parlamento europeo. Non è mancato un ottimo Aglianico del Vulture (cantine Elena Fucci), selezionato dal commissario ONAV a Bruxelles Alma Torretta, ad accompagnare la cena di gala ideata dal cuoco lucano Angelo Galasso, titolare del micro-ristorante ‘Pane e olio’ a Mons.

IMG 20191211 WA0004Ma anche tanta Puglia, a cominciare da un’esibizione di danze folkloristiche eseguite da ‘Terra nostra’, gruppo di giovani emigrate italiane di seconda e terza generazione, che coltivano la tradizione a Charleroi. “Abbiamo portato la pizzica al Grand bal d’Italie! È stato un rischio, ma il pubblico di ogni nazionalità si è lasciato trascinare dai ritmi del sud Italia” gioisce Benedetta Dentamaro, segretario generale del Com.It.Es. e curatrice della manifestazione dal suo esordio nel 2016.
“Non nascondo che, da pugliese, come anche il presidente del nostro Comitato Raffaele Napolitano, è stato un orgoglio presentare alla comunità internazionale in Belgio questo ed altri pezzi forti della nostra regione”, ammette Dentamaro: dalla degustazione di panzerotti offerti da ‘La Panzerottata’ (Bruxelles), al quadro dedicato a Domenico Modugno in occasione dei 25 anni di ‘Nel blu dipinto di blu’, eseguita festosamente dall’Orchestra italiana Bruxelles diretta dal maestro Angelo Gregorio.
“Il Grand bal d’Italie non è un evento, è un luogo dove si incontrano italiani e non italiani. Con questa manifestazione realizziamo quella parte della nostra missione che mira alla integrazione degli italiani emigrati nel paese di destinazione, e alla diffusione della cultura italiana all’estero” spiega Dentamaro, che conclude: “il valore di vettore culturale della manifestazione è stato riconosciuto già l’anno scorso dalla Commissione europea, che l’ha inclusa nell’Anno europeo del patrimonio culturale. Anche questa quarta edizione è stata molto apprezzata dal pubblico (oltre 420 presenze) e dagli stessi artisti, che invocano l’edizione 2020. Ma per portare avanti questo progetto, realizzato esclusivamente con il lavoro di qualche volontario e con le donazioni degli sponsor (BNP Paribas Fortis, Confartigianato imprese Bergamo e Campari tra gli altri) abbiamo bisogno del supporto delle istituzioni italiane “.

(foto a sinistra: Elena Basile, ambasciatrice d’Italia a Bruxelles, fra Raffaele Napolitano e Benedetta Dentamaro)

(foto: Bernard van Poucke)




allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *