L'arca

Electronics Time


Castellaneta: droga. Statte: esplosivi. Arresti

carabinieri

 

Di seguito alcune comunicazioni diffuse dai carabinieri:

SONY DSCI Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Castellaneta, a conclusione di specifico servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di reati concernenti le sostanze stupefacenti, caratterizzato da mirati controlli su avventori di locali da ballo, hanno tratto in arresto il 26enne F.M. ed il 23enne F.A., entrambi censurati della provincia di Bari, responsabili di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio.

 

I prevenuti sono stati sorpresi dai militari operanti nella notte tra sabato e domenica, in località Chiulli, agro del comune di Castellaneta, all’interno del parcheggio antistante una discoteca, mentre cedevano quantitativi di sostanze stupefacenti a giovani avventori del posto e ad altri provenienti dall’hinterland barese.

 

Nel medesimo contesto sono stati segnalati alla Prefettura – U.T.G. – di Taranto nr.2 giovani, quali assuntori di sostanze stupefacenti.

 

Sono state poste sotto sequestro circa 20 dosi di sostanze stupefacenti del tipo hashish, marijuana ed ecstasy e la somma di denaro di euro 120,00, quale provento dell’attività illecita.

 

I due giovani tratti in arresto, dopo le formalità di rito, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Taranto, come disposto dalla competente Autorità Giudiziaria.

 

L’intero quantitativo di sostanze stupefacenti sequestrato sarà inviato presso il L.A.S.S. (Laboratorio di Analisi Sostanze Stupefacenti) del superiore Comando Provinciale Carabinieri di Taranto per essere analizzato e catalogato.

—–

 

Nel pomeriggio di sabato, i Carabinieri della Stazione di Statte hanno arrestato SPORTELLI Antonio, 34enne del luogo, noto alle Forze di Polizia, per detenzione di materiale esplodente.

L’uomo, difatti, a seguito di perquisizione domiciliare, veniva trovato in possesso di numeroso materiale esplodente, per la maggior parte classificato come artifici pirotecnici veri e propri, per la cui manipolazione è necessaria apposita autorizzazione di polizia che l’individuo non aveva, ed altro ancora non riportante alcuna classificazione e pertanto di per sè illecito. Nella circostanza, i militari rinvenivano anche un mortaio in metallo, alto 50 centimetri, necessario per il lancio degli stessi fuochi d’artificio. Numerosi manufatti rinvenuti avevano, inoltre, dimensioni consistenti, fino al peso di 500 grammi cadauno, quindi di notevole potenziale esplodente. Complessivamente, il materiale ritrovato aveva una considerevole “massa attiva”, cioè il peso netto del composto chimico esplodente, pari a 10 chilogrammi. Il tutto, peraltro, occultato pericolosamente all’interno dell’armadio della stanza da letto.

In considerazione di quanto sopra, SPORTELLI Antonio veniva dichiarato in stato d’arresto e, dopo le formalità di rito, tradotto presso la Casa Circondariale di Taranto a disposizione del P.M. di turno.




endsac noinotizie2

allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *