L'arca

vendesib


Bari: massacrano imprenditore davanti alla moglie per fargli pagare il pizzo. Sgominata la banda Arresti dall'alba. Palo del Colle: tenta furto d'auto, arrestato

carabinieri

Di seguito alcuni comunicati diffusi dai carabinieri:

E’ in corso dalle prime luci dell’alba una vasta operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Bari che stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia a carico di una banda di estortori responsabili di aver massacrato un imprenditore edile barese, che ha quasi perso un occhio, allo scopo di farsi consegnare 1.500 euro al mese ed impedire che la vittima riscuotesse crediti per centinaia di migliaia di euro vantati nei confronti di uno degli arrestati. I fatti risalgono allo scorso dicembre quando l’imprenditore, benché gravemente ferito, ha trovato il coraggio di denunciare i fatti ai Carabinieri. Immediatamente sono scattate le indagini dei Carabinieri del Reparto Operativo di Bari che hanno identificato tutti gli aggressori consentendo alla locale Direzione Distrettuale Antimafia di richiedere la misura cautelare al Giudice per le Indagini Preliminari. Dovranno rispondere a vario titolo di estorsione aggravata in concorso, lesioni personali gravissime e violazione della sorveglianza speciale.

—–

Era quasi riuscito a mettere in moto una “Fiat Uno” nel tentativo di rubarla ma scoperto è finito in manette. Si tratta di un 19enne di Palo del Colle arrestato dai Carabinieri della locale Stazione con l’accusa di tentato furto. In via tasso il giovane dopo aver forzato il cilindretto di accensione del mezzo ed inserito nello stesso una chiave alterata era riuscito a mettere in moto l’auto quando è stato bloccato dai carabinieri che lo hanno tratto in arresto. Nella sua disponibilità i militari hanno trovato una targa di auto rubata a Matera lo scorso 31 gennaio sottoposta a sequestro. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bari il 19enne è stato collocato ai domiciliari.




allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *