Nuova costruzione
Flashnews: 17 giugno 2019
Pietro Cascione, 19enne del quartiere Tamburi. Morto nello scontro auto-pullman sulla Taranto-Statte

Incidente nei pressi del muro perimetrale del siderurgico

Flashnews: 17 giugno 2019
Arresto cardiaco, Andrea Camilleri in rianimazione

Scrittore siciliano, "padre" del commissario Montalbano

Flashnews: 17 giugno 2019
Ferrovie sud est, otto stazioni chiuse da oggi per un anno e mezzo

Lavori sulla linea Bari-Putignano via Conversano


Fuggire o rimanere: Taranto, presentato Binario 1

Cortometraggio

Di seguito il comunicato:

Un treno in partenza da Taranto, diretto a Roma.
Un treno in partenza da Roma e diretto a Taranto.
L’arrivo di Milù, la partenza di Flavio.
La stazione di Taranto è l’emblema di storie quotidiane e piccoli tormenti che possono cambiare in un battito di ciglia. Sullo sfondo, ma solo su questo, i tormenti di una città che da tempo chiede di essere descritta in altro modo, come la recente ribalta di Medimex 2019 ha testimoniato.
Così i giovani studenti del Cabrini, hanno in qualche maniera anticipato questa tendenza, lasciando a Milù, interpretata nel cortometraggio Binario 1 dall’attrice nazionale Valentina Corti (interprete riconosciuta di serie Tv come Un Medico in Famiglia o Don Matteo – ndr), e a Flavio, l’attore Giorgio Consoli, il compito di un racconto basato sulla resistenza al “fuggire” e la voglia, invece, di rimanere.
Sui binari della Stazione di Taranto c’è anche Roberto, (l’attore Luca Mastrolitti) con un mazzo di rose rosse in mano, che aspetta il concretizzarsi di un sogno o forse di un’illusione e una donna che curerà la sua delusione.
Sogno e realtà che per una volta si incrociano su un binario unico: il binario uno della vita di questi interpreti del cortometraggio e tutta la città di Taranto.
Passato, presente e futuro vengono così raccontati nella sceneggiatura elaborata nel corso dei laboratori di cinematografia del Cabrini e poi affidata alle sapienti mani dello sceneggiatore e regista Alessandro Zizzo, come una trama su cui elaborare anche il sogno di destini diversi, o come direbbe il personaggio di Simone (l’attore Axel Caponio) di andare oltre “sto strazio!”.

E’ la trama palese e concettuale del cortometraggio “Binario 1”, presentato questa mattina nella sala cinematografica del Bellarmino di Taranto. Il cortometraggio è prodotto dall’Istituto professionale statale F.S. Cabrini di Taranto nell’ambito del progetto “CineTa – Visioni Fuori luogo”: iniziativa realizzata nell’ambito del Piano nazionale Cinema per la scuola promosso da MIUR e MIBAC, in collaborazione con Sun Film Group.
I ragazzi sono stati impegnati in un progetto di formazione continua e sul campo e nei sei laboratori di approfondimento si sono occupati di tutto: dalla stesura di una prima bozza di sceneggiatura, fino alle attività di casting, riprese e post produzione, e trucco e costumi di scena – specifica la dirigente scolastica Angela Maria Santarcangelo – maturando una esperienza in ambito cinematografico ma anche sociale che ha consentito loro di provare sul campo le dinamiche di un lavoro di gruppo delicato e complesso davanti e dietro la macchina da presa.
E’ un lavoro in erba, anche se molto curato – dice la coordinatrice del progetto Maria Giovanna Russo – ma è soprattutto la prova più importante per gli studenti del nostro corso ad indirizzo audio-visivo, che hanno dovuto relazionarsi con i professionisti del settore, ve lo assicuro, non sfigurando mai!

Nel corto-metraggio Binario 1, Taranto non è una città rassegnata, ma viva e vitale, persino nelle inflessioni dialettali che non sviliscono anzi rafforzano la visione del luogo in cui tutto si svolge.
Il castello, il mare, le vie della città, e persino le cozze sono utilizzati come elemento identitario mai ghettizzante, partecipando così alla trasmissione di una immagine positiva della città che oggi “usa” anche il linguaggio del cinema per dimostrarsi diversa.

Al progetto CineTa – Visioni Fuori Luogo hanno partecipato gli studenti Flora Pozzessere (assistente regia), Daniela Palombella (assistente regia), Alessandra Mancino (editing), Maickol Pizzolla (fotografie di scena), Marco Spineto (assistente alla fotografia), Sabrina Nardò (costumi), Comasia Napolitano e Lisa Impollonia (trucco e parrucco), Vanessa Pozzessere e Megan Onina (assistenti di produzione), insieme a Davide Lanese, Vincenzo Macripò, Claudio Russo.
Del cast artistico hanno fatto parte gli studenti degli indirizzi audiovisivo, grafico, aziendale-turistico e chimico.
Il cast di esperti è stato composto da Alessandro Zizzo (regia), Gregorio Mariggio (aiuto regista e direttore di produzione), Stefano Tramacere (D.O.P.), Davide Micocci (operatore D.O.P.), Diego Silvestri (elettricista macchinista), Davide Biancio (presa diretta), Davide Lanese (microfonista), Frankie Caradonna (editing e color grading), Andrea Basile (color grading), Maria Messinese (grafica).

Alla prima di “Binario 1” hanno partecipato con delega del presidente Emiliano, il consulente della Regione Puglia, Rocco De Franchi, il provveditore Antonio Di Tullo e l’assessore alla cultura del Comune di Francavilla Fontana, Maria Angelotti.


allegro italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cortometraggio

">