L'arca

vendesib


Lucera: stasera la finale di miss Puglia Monopoli: Cristina Zavalloni canta Charles Aznavour per ricordare il genocidio armeno. Replica a Bari martedì. Martina Franca: Gegè Telesforo in concerto

Cristina Zavalloni

Aggiornamento a questo link:

https://www.noinotizie.it/31-08-2015/miss-puglia-e-miriana-farella-di-altamura/

Con inizio alle 21, a Lucera la finale di miss Puglia, per eleggere la rappresentante della regione alla fase finale della 76/ma edizione di miss Italia. Si elegge, nella manifestazione in programma al grand hotel Villa Nocelli, anche miss cinema Puglia.

A Martina Franca, con inizio alle 22, concerto di Gegè Telesforo, per la rassegna jazz che ha preso via nelle scorse serate. Sul sagrato della basilica di San Martino la performance musicale dell’artista pugliese.

Per tutti gli appuntamenti della giornata consultare iltaccodibacco.it

Di seguito un comunicato diffuso dagli organizzatori di Ritratti 2015:

Cristina ZavalloniCristina Zavalloni ricorda Charles Aznavour, le sue origini armene e il genocidio di cento anni fa con i festival Ritratti e Anima Mea, manifestazioni inserite nella rete Orfeo Futuro sostenuta da Puglia Sounds.

Intitolato Pour toi, Arménie, il progetto, che fa il suo debutto assoluto per il Festival Ritratti, il 30 agosto a Monopoli (chiostro di Palazzo San Martino – biglietti euro 10, ridotti euro 5 – info 3393770307 e www.ritrattifestival.it), verrà riproposto l’1 settembre a Bari per l’inaugurazione di Anima Mea alla presenza dell’ambasciatore armeno in Italia, Sargis Ghazaryan (biglietti euro 10, ridotti euro 5 – info 328.6677282 e www.animamea.it). L’appuntamento nel capoluogo si terrà, infatti, all’interno del villaggio profughi Nor Arax di via Amendola, creato nel 1924 dal poeta in esilio Hrand Nazariantz, dove verranno anche presentate alcune opere ispirate all’esodo del popolo armeno, i video Rimani, mi dicesti, ed io restai (2013) della barese Agnese Purgatorio e La Rinascita – VeraZnunt (2008) dell’avellinese Antonello Matarazzo, e l’opera in ceramica di Antonio Vestita della Bottega Vestita di Grottaglie, Fiori d’Armenia (2015).

Dunque, dopo l’esperienza del cd Solidago di alcuni anni fa, la cantante bolognese – voce versatile in grado di spaziare dal jazz al repertorio classico, antico e contemporaneo – torna a celebrare lo straordinario chansonnier di origine armene (il cui vero nome è Shanhour Vaghinagh Aznavourian) il quale non sarebbe potuto nascere se la madre non fosse sopravvissuta al genocidio del 1915. Nel centenario della tragedia, ancora scolpita nella memoria del popolo discendente dal leggendario Haik, Pour toi, Arménie è, dunque, il ricordo di quell’immane orrore, che gli armeni chiamano Medz Yeghern, il «Grande Male», e un delicato tributo a uno dei grandi poeti della musica transalpina, tra i pochi a conquistare il difficile pubblico americano.

Insomma, un omaggio a indimenticabili melodie, per l’occasione riarrangiate da Paola Crisigiovanni e, in un progetto originale e inedito, reinterpretate da Cristina Zavalloni nel suo inconfondibile stile eclettico e trasversale, qui sostenuto dall’Ensemble ’05, formazione «a geometria variabile» nella quale convivono un’anima acustica e una elettrica, una classica e una sperimentale.

Si potranno ascoltare Tous les visages de l’amour, Vivre avec toi, Si tu m’emportes, Ed io tra di voi, Qui?, Les plaisirs démodés, La mamma, Le cabotin (L’istrione) e, per l’appunto, Pour toi, Arménie.

L’Ensemble ’05 è formato da Cristiano Arcelli al sax, Massimo Felici alle chitarre, Paola Crisigiovanni al pianoforte, Pasquale Gadaleta al contrabbasso, Cristiano Calcagnile alla batteria, Sara Sartore all’oboe, Ylenia Carbonara al flauto, Cristina Ciura al violino, Claudia Laraspata alla viola e Mariapia D’Attolico al violoncello.

Info www.orfeofuturo.it




sforno

allegro italia

Articoli correlati

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *