Velga

Electronics Time


Il personale di Torre Guaceto salva sei bagnanti in mezz’ora

Nel primo pomeriggio gli interventi dei bagnini

Di seguito un comunicato diffuso dai responsabili della riserva naturale protetta di Torre Guaceto:

Erano circa le 13 di oggi, quando i due bagnini in servizio presso il lido del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto, a Punta Penna Grossa, hanno avvistato una persona in mare. Era evidente che l’uomo era in difficoltà, sembrava che stesse affogando.
I ragazzi, Giuseppe Forte e Andrea Marinò, che già lo scorso anno si erano resi protagonisti di alcuni salvataggi in mare, non hanno esitato un istante e si sono buttati in acqua.
L’uomo si trovava all’altezza della secca di Penna Grossa, era arrivato sin lì muovendo dalla spiaggia a libera fruizione. I due bagnini, lo hanno recuperato e trasportato a riva.
Gli altri colleghi nel frattempo avevano chiesto l’intervento dei sanitari del 118. Non appena l’ambulanza è arrivata in spiaggia, il turista è stato sottoposto ai controlli del caso.
Il tempo di dare un’altra occhiata al mare ed i bagnini hanno notato altre due persone che, ben lontano dal lido, stavano iniziando pericolosamente a prendere il largo.
Allora, ancora una volta, Forte e Marinò sono entrati in acqua ed hanno portato in salvo anche i due bagnanti.
Negli stessi istanti nei quali i ragazzi erano impegnati con il recupero degli ultimi due utenti, un dipendente del Consorzio che in quel momento era impegnato nel monitoraggio della Riserva, Piero Cavallo ha visto ulteriori 3 ragazzi a largo.
La fortuna ha voluto che a notarli sia stato proprio Cavallo, anche lui in possesso della qualifica di bagnino e, capendo che era necessario intervenire immediatamente e chi gli addetti del lido non potevano far altro che soccorrere 2 persone alla volta, Cavallo non ci ha pensato un attimo e si è tuffato.
Intanto, ulteriori colleghi hanno chiesto l’intervento della motovedetta della capitaneria di porto che è subito partita da Brindisi.
Nel giro di poco, il collega ha raggiunto i 3 bagnanti che erano già oltre la duna fossile di Penna Grossa e li ha invitati ad uscire dal mare prima che le onde li spingessero tanto lontano da impedirgli di rientrare. I 3 lo hanno seguito, la richiesta di intervento avanzata alla motovedetta è stato annullata, e sono tutti tornati in spiaggia.
Nell’arco di mezz’ora, gli operatori del Consorzio hanno portato in salvo 6 utenti delle spiagge libere.
Una circostanza straordinaria che, grazie all’intervento tempestivo di Cavallo, Forte e Marinò non ha avuto un epilogo tragico.
Ma, messa da parte la gioia per la buona riuscita dei salvamenti, va sottolineato che, in condizioni meteo come quelle che caratterizzano la giornata odierna, è fortemente sconsigliato di avventurarsi in nuotate lontano dalla riva. Quando il mare è mosso, si verifica il fenomeno della risacca, ossia ogni onda è seguita da una corrente opposta, che, quindi, da riva spinge a largo. In questo modo, chi si trova in mare, da un momento all’altro rischia di finire in area di pericolo.
“Siamo tutti molto orgogliosi tanto del coraggio dimostrato tanto dal collega Cavallo, quanto dai bagnini Forte e Marinò – ha commentato il presidente del Consorzio, Corrado Tarantino -, oggi queste tre persone hanno salvato la vita a 6 utenti. Ma affinché non si verifichino più situazioni tanto rischiose, invitiamo tutti i fruitori a non allontanarsi dalla riva, ciò per non mettere a repentaglio né la propria vita, né quella dei soccorritori”.




allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *