L'arca

vendesib


Cervelli, non tutti in fuga. Il ricercatore di Mesagne torna in Italia Gianvito Vilè, 33 anni: il racconto di Affari italiani

IMG 20200424 064745

Di Francesco Santoro:

Non tutti i giovani cervelli scappano dall’Italia per non farvi più ritorno. A volte succede- raramente a dire il vero- che qualcuno si accorga di loro prima che sia troppo tardi e li riporti nel Belpaese che, visto l’andazzo generale, tanto bisogno avrebbe dell’apporto di menti brillanti per risollevarsi ed emergere dalla palude in cui è immerso fino al collo.
Nel caso del ricercatore pugliese Gianvito Vilé, 33enne originario di Mesagne, nel Brindisino, il merito è tutto del Premio Felder, iniziativa promossa da Fondazione Bracco e Bracco Imaging, con la collaborazione col Politecnico di Milano, in onore dello scienziato Ernest Felder, per anni a capo della ricerca del gruppo industriale italiano. La storia la racconta Affari Italiani: Vilè, che lo scorso anno è finito nella lista degli “Scienziati più influenti in ingegneria chimica” della Società americana di chimica, si è aggiudicato un premio di un milione di euro battendo e adesso avrà la possibilità di sviluppare nei laboratori del Politecnico meneghino e del Centro ricerche Bracco di Ivrea i suoi studi. «La mia attività di ricerca ha sempre integrato metodi di diverse aree della chimica e delle scienze ingegneristiche per progettare processi di sintesi ecologici applicati all’industria farmaceutica e a quella chimica- spiega Vilé ad Affari italiani-. Tali processi usano principalmente materiali nanostrutturati e reattori in continuo, in modo da aumentare l’efficienza e la sicurezza delle reazioni e abbassare i costi di processo, raggiungendo al tempo stesso gli obiettivi di protezione della salute umana e dell’ambiente. Sono molto soddisfatto e sarò per sempre grato alla Fondazione Bracco e a Bracco Imaging per avermi dato l’opportunità di rientrare nel mio Paese grazie al Premio Felder, e per avermi coinvolto in progetti di frontiera con chiara rilevanza industriale».
Diana Bracco, presidente della Fondazione Bracco e Ceo dell’omonimo gruppo, spiega che «nell’anno in cui celebriamo il decimo anniversario della nostra Fondazione- si legge su Affari italiani-, siamo felici di aver permesso a un grande talento di rientrare in Italia e di aver gettato le basi per la nascita nel nostro Paese di un nuovo centro di eccellenza».




sforno

allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *