Velga

Electronics Time


Torre Santa Susanna: moglie maltrattata e minacciata, arrestato 39enne Secondo l'accusa utilizzata anche un'arma

IMG 20190818 113811

Di seguito un comunicato diffuso dai carabinieri:

I Carabinieri della Stazione di Torre Santa Susanna hanno tratto in arresto in esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Brindisi, un 59enne del luogo, per il reato di maltrattamenti in famiglia. L’uomo è il presunto autore di reiterate condotte aggressive unitamente a ingiurie e minacce, nonché maltrattamenti nei riguardi della moglie convivente. In particolare, in più circostanze, ha rivolto all’indirizzo della donna frasi ingiuriose, spingendola fuori dal garage di pertinenza dell’abitazione. Alla fine del mese di maggio scorso, l’ha minacciata mostrandole un’arma che poi ha riferito alla donna di essere finta. Il manufatto è una “pistola scacciacani” e risulta essere la fedele riproduzione di un’arma vera alla quale l’uomo aveva evidentemente tolto il tappo rosso. Con tutte le  azioni ha cagionato nella donna, inesperta in materia di armi, un forte stato di paura tanto da fuggire e richiedere l’intervento dei Carabinieri, che intervenuti provvedevano a sequestrare la scacciacani. Successivamente al sequestro dell’arma e alla denuncia da parte della donna, quotidianamente ha ricevuto minacce dall’uomo a seguito della denuncia ricevuta. La donna ha altresì riferito che in diverse occasioni a seguito del clima di tensione fra le parti conseguente alla fase di separazione in corso, era stata fatta oggetto da parte dell’indagato di affermazioni ingiuriose, nonché più volte spintonata fisicamente perché si allontanasse dal garage di pertinenza dell’abitazione comune. La donna ha anche rappresentato la sussistenza di ulteriori episodi di violenza successivi alla presentazione della denuncia, episodi verificatisi con cadenza quasi quotidiana, conseguenti proprio alla denuncia. La sottoposizione della parte offesa a plurimi atti di vessazione psicologica e di aggressività, tali da cagionare alla stessa sofferenze e preoccupazioni, costituiscono la fonte di un evidente stato di disagio continuo ed incompatibile con le normali condizioni di esistenza. Pertanto la misura cautelare inflitta dall’Autorità Giudiziaria nei confronti dell’uomo è stata l’unica idonea ad impedire la prosecuzione delle medesime condotte criminose. L’arrestato al termine delle formalità di rito è stato tradotto nella Casa Circondariale di Brindisi.

 




allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *