L'arca

Electronics Time


Voi in strada, anche lui. Ma lui in Jaguar Questo è il leader dei forconi

calvani

calvaniUna giornalista pugliese, Rosa Colucci, ha scritto un interessantissimo libro. Si intitola “Banani in Jaguar”. Però ha sbagliato titolo, Rosa. Doveva fare “Calvani in Jaguar”, dall’identità di chi sulla (non esattatemente utilitaria scassata di chi non ha un cavolo di niente e si arrabbia per la situazione economica e sociale) auto britannica era a bordo ieri. Il leader del movimento dei forconi si trova in Sicilia, si chiama Ferro, ma Calvani è una specie di numero due, o uno e mezzo addirittura. Lui è pontino, imprenditore agricolo. Ieri era a Genova, per la protesta in cui ora si inizia a ipotizzare di marciare su Roma. Da qui in poi non va più bene. Di marce su Roma ne basta, e avanza e altro che se avanza, quella di una fine ottobre di un secolo fa scarso.

Dunque: cari forconi, cari cittadini arrabbiati per una giusta protesta sociale, voi state in strada e prendete freddo, tanto, dato il periodo. In strada ci sta anche lui. Ma lui in Jaguar.

(foto: fonte la rete)

A. Q.




endsac noinotizie2

allegro italia

Articoli correlati

4 Comments

  1. IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO E’ FUORVIANTE:

    “Sono andato in piazza durante le manifestazioni di questi giorni a Torino allo scopo di ascoltarne la parte pacifica, che esiste ed è numerosa e non è affatto di “fascisti”. Ci sono commercianti, studenti, disoccupati, piccoli imprenditori, pensionati. Un estratto di uno degli interventi: “I mass media hanno fatto vedere solo gli scontri. Per due giorni son stati qua 10.000 ragazzi pacificamente, non si sono visti in tv! Hanno continuato a far vedere solo gli scontri. Vogliono far girare il fatto che siamo solo teppisti e delinquenti. Io non sono un delinquente! Io non sono un fascista! Io non sono un comunista! Io sono un ITALIANO!”
    Ricordo che il M5S non organizza nè aderisce alla manifestazione e condanno qualsiasi forma di intimidazione e violenza, invito la polizia a fermarla e invito chiunque ad astenersi dal partecipare ad atti di violenza. Dopo che sono andato via, Danilo Calvani – quello che gira in Jaguar e si presenta come “coordinatore nazionale del movimento 9 dicembre” – si è presentato in piazza Castello per arringare la folla, dato che la folla non aveva risposto al suo invito a presentarsi in piazza Vittorio per essere arringata. C’era, in particolare l’annuncio che il Calvani offre alla folla un treno gratis per marciare su Roma, invito i manifestanti a non andarci. Il tono retorico e minaccioso del discorso di Calvani è molto diverso da quello arrabbiato e ingenuo dei cittadini che avevano parlato prima.” Vittorio Bertola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *