L'arca

vendesib


Weekhero | Perché guardare una serie come Unorthodox è necessario in questo periodo OGNI SABATO ALLA RICERCA DI UN EROE CHE CI RICORDI CHE A VOLTE UN ATTO EROICO CONSISTE SEMPLICEMENTE IN UN CAMBIO DI PROSPETTIVA.

Poco ortodoxa e1586422294802

di Angela Maria Centrone

Questa settimana l’eroe è una nuova serie interamente in lingua yiddish che, oltre ad offrire uno spaccato interessantissimo sulla cultura ultra-ortodossa, è necessario guardare in questo momento storico di incertezza e inaridimento.

Disponibile sulla piattaforma Netflix dallo scorso 26 marzo, la miniserie Unorthodox è un piccolo gioiellino da guardare assolutamente in questo periodo tremendamente delicato per l’umanità.

Creata da Anna Winger e Alexa Karolinski, che si sono ispirate all’omonima autobiografia di Deborah Feldman per trarre questa sceneggiatura – davvero significativa – la quale racconta, appunto, la fuga verso Berlino della 19enne Esty da una comunità ultra-ortodossa chassidica di Williamsburg a New York.

Si potrebbe pensare all’ennesima storia di denuncia delle aberrazioni inflitte alle donne in nome di una fede religiosa. Sì, è anche questo, se ne parla, ma non solo. Quel che potentemente traspare dall’educazione imposta alla giovane protagonista è che il mondo esterno alla comunità è malvagio. I ricordi della Shoa, così come il resto dei patimenti sofferti dal popolo ebraico nella storia, sono così vivi da cristallizzare la comunità in un tempo indefinito e contemporaneamente atti a blindarli in una realtà distorta.

La memoria storica diviene strumento di terrore e non chiave di una nuova consapevolezza.

Berlino agli occhi di Esty Shapiro, al principio, non è una città multiculturale e libera, ma un cimitero nel quale muoversi in punta di piedi per non offendere le anime dell’olocausto. E solo un bagno catartico nel lago, “che è solo un lago”, le farà comprendere che le ferite non appartengono ai luoghi, che siamo noi a dare valore ai simboli e che la fiducia negli altri, nel maggior parte dei casi, è ripagata.

La regia iconica è di Maria Schrader e ad interpretare intensamente Etsy è Shira Haas (di cui sicuramente sentiremo parlare ancora). Un piccolo progetto al femminile, insomma, che però non tratta solo l’emancipazione delle donne, ma di tutti noi come essere umani.

 

 




allegro italia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *