L'arca

vendesib


Ermal Meta e Fabrizio Moro, i diritti di “Non mi avete fatto niente” finanziano dodicimila interventi chirurgici Il cantautore barese di adozione e il romano vinsero il festival di Sanremo due anni fa. Iniziativa con Emergency

IMG 20180207 142156

Il 6 febbraio 2018 “Non mi avete fatto niente” vinse il festival di Sanremo. Portata al successo dal duo Ermal Meta-Fabrizio Moro. Il primo, barese di adozione, giunto in Puglia come decine di migliaia di migranti albanesi, bambino, una trentina di anni fa. I diritti di “Non mi avete fatto niente” hanno fruttato parecchio ai due cantanti che ne hanno fatto, in questo tempo, una cospicua iniziativa di solidarietà. Qualche mese dopo la vita Sanremo, Ermal Meta scrisse: “Non sapevamo bene cosa fare o come usare questa canzone per fare qualcosa di concreto, ma dopo il Festival ci siamo confrontati e guardandoci negli occhi ci siamo detti che questa canzone non parla della nostra storia personale e che la cosa giusta da fare era donare i proventi dei nostri diritti d’autore affinché potessero servire ad aiutare chi ne ha davvero bisogno“. Dichiarazione riportata da tvzap.kataweb.it che ha diffuso la notizia.

Ora, passati due anni, si è a conoscenza del fatto che con quei soldi messi a disposizione di Emergency sono stati realizzati dodicimila interventi chirurgici,,altrimenti impossibili.




allegro italia

Articoli correlati

2 Comments

  1. Comunque quando si danno le notizie bisogna essere precisi. Non è che siccome Ermal Meta è di origini albanesi bisogna dare per scontato che sia stato un migrante. Lui è venuto in Italia con la mamma comodamente in traghetto, pagando il biglietto come tanti altri che prendono il traghetto e che non per questo sono chiamati migranti. Scappavano si, ma dal padre che era violento. Sono stanca di questi “giornalisti” che non si informano mai, che quando leggi un articolo devi poi andare a fare ricerche per verificarlo, quando avrebbe dovuto farlo il giornalista prima di scrivere l’articolo.informatevi meglio prima di scrivere fate tutti tanti di quegli errori…

    1. Grazie per il suo intervento. Tutta questa (infondata) maestria è legata al fatto che abbiamo definito migrante Ermal Meta. Dove ha letto lei una specifica informazione sbagliata? Forse, oltre ad imparare a scrivere, occorrerebbe imparare a leggere. (agostino quero)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *