Nuova costruzione
18 giugno 2019
Montalbano di Fasano: quindicenne in coma per una caduta da cavallo

Ricoverato al "Perrino" di Brindisi

sentenza

Alluvione 2011, consorzio di bonifica condannato a risarcire azienda di Ginosa

Accadde a marzo di otto anni fa

Di seguito un comunicato diffuso da Confagricoltura Taranto: I danni dell’alluvione? Toccherà al Consorzio di Bonifica Stornara e Tara risarcirli con 24.800 euro. Lo ha stabilito il Tribunale Regionale delle Acque Pubbliche presso la Corte di Appello di Napoli con la sentenza n. 1997, depositata l’11 aprile 2019, dichiarando la responsabilità del Consorzio di Bonifica tarantino per gli ingenti danni provocati dall’alluvione seguito all’esondazione del fiume Bradano che, il 2 marzo 2011, sommerse l’agro di Ginosa. E’ stata un’azienda agricola…

Beni del complesso aziendale Don Uva, prezzo di vendita congruo: bocciato ricorso di Montepaschi

Tribunale di Trani: sentenza su cessione dei rami di Foggia, Bisceglie e Potenza ex Cdp

Di seguito un comunicato diffuso da Universo salute: Il Tribunale di Trani, con provvedimento del 2 aprile 2019, ha bocciato il ricorso del Monte dei Paschi di Siena, creditore della Congregazione Ancelle della Divina Providenza in Amministrazione Straordinaria, con il quale l’istituto bancario chiedeva l’annullamento dell’atto di compravendita dei beni del complesso aziendale Don Uva stipulato dall’Ente con Universo Salute S.r.l. L’istituto bancario, nel suo ricorso, sosteneva che il corrispettivo pagato da Universo Salute, 5 milioni di Euro, non fosse…


Incostituzionale la notifica via pec se limita il diritto di difesa

Sentenza della Consulta: se avvenuta fra le 21 e le 24 non va più considerata perfezionata alle 7 del giorno dopo

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 75/2019, ha abrogato l’articolo 16 septies del D.L. 179/2012 che aveva istituito la notifica degli atti tramite procedura telematica. In pratica la questione riguarda la famosa notificazione eseguita dopo le ore 21 alla casella elettronica. Ora, con la pronuncia emessa dai Supremi Giudici italiani è ritenuta valida anche la notifica pec effettuata dopo detto orario purché entro il limite massimo delle 24 ore della giornata in cui scade il termine previsto dalla legge. Praticamente,…

Surbo, bullismo: il 17enne presterà servizio in un centro disabili. Per una spinta, al suo compagno di scuola fu asportata la milza

Il processo si è chiuso con la messa alla prova

Il processo nei suoi confronti si è concluso con la messa alla prova e i servizi sociali. Il 17enne di Surbo, con una spinta al compagno di scuola, ne causò il ricovero. Il ragazzo che subì l’atto di bullismo subì anche l’asportazione della milza. Ora il 17enne che diede quella spinta dovrà fare assistenza, due volte alla settimana, in un centro disabili.…

Buoni fruttiferi: Poste Italiane non può riconoscere rendimento inferiore a quello indicato sui buoni emessi dopo giugno 1986

Pronuncia della Cassazione

Di seguito un comunicato diffuso da Vincenzo Vitale, Codacons Brindisi: Poste Italiane non può riconoscere un rendimento inferiore a quello indicato sui buoni postali fruttiferi emessi successivamente al giugno 1986, data in cui l’allora Ministero del Tesoro aveva modificato i rendimenti, con un effetto retroattivo e in misura fortemente negativa, dei buoni fruttiferi stessi. Il principio si ricava da Cass. civ., Sez. Un., 15.06.2007, n. 13979- che in motivazione ha affermato che “nella disciplina dei buoni postali fruttiferi dettata dal…


Lecce: caporalato, assoluzioni in appello

Reato di riduzione in schiavitù non ancora nel codice penale all'epoca delle accuse

Il “fatto non sussiste” perché all’epoca degli eventi il reato di schiavitù non era ancora in vigore: è questo quanto stabilito dai giudici della Corte d’Appello, a Lecce, che, con un colpo a sorpresa, ha ribaltato l’esito del primo grado nel processo “Sabr” sul caporalato nel Salento e sui braccianti-schiavi, impegnati nella raccolta di pomodori e angurie. La rivolta di “Boncuri” capeggiata da Yvan Sagnet aveva portato allo storico processo, che nel 2017, solo due anni fa, aveva condannato in…

La Provincia di Brindisi deve essere risarcita, sentenza di Appello con integrazione

Enel: generica. Annunciato ricorso

Di Enrico Pellegrini: La Corte di Appello di Lecce, in correzione di un errore relativo ad una sentenza di due mesi fa, ha accolto la richiesta della Provincia di Brindisi. La questione (processo per ipotesi di diffusione di polveri di carbone da carbonile e nastro trasportatore della centrale di Cerano nei terreni agricoli) verte su un’ipotesi di risarcimento da parte dell’Enel nei riguardi di quell’ente. Il procedimento, concluso con la sentenza di pene nei riguardi di persone con ruoli di…

Bellanova, non fu lavoro nero. Sentenza del giudice del lavoro di Lecce

L'ex viceministro: oggi è il tempo della verità

Maurizio Pascali aveva denunciato Teresa Bellanova. Quattro euro al giorno per trenta mesi, l’accusa dell’uomo che svolgeva le funzioni di addetto stampa. Teresa Bellanova, stando ai giudici leccesi (primo grado) non è stata responsabile di lavoro nero. Scrive Teresa Bellanova: Una vicenda dolorosa, sul versante dei rapporti umani e professionali per me inconcepibile. A cui ieri, finalmente, la decisione del Tribunale di Lecce, Giudice del Lavoro, ha messo fine, sancendo come le accuse di Maurizio Pascali contro di me fossero…


Brindisi: “usurarietà del rapporto”, il tribunale sospende il pignoramento voluto dalla banca

Mutuo da quattrocentomila euro, ne erano già stati pagati 222mila poi le difficoltà economiche dell'azienda e l'istituto non intenzionato a ridurre l'importo delle rate

Da Vincenzo Vitale, avvocato Codacons: Ancora un pronunciamento del Tribunale di Brindisi, in persona del Giudice Sales, a favore dei mutuatari vessati dalle banche. Nella fattispecie, la banca, in virtù di un contratto di mutuo con il quale aveva concesso ad una società la somma di € 400.000,00, aveva sottoposto a pignoramento sia l’immobile dove veniva esercitata l’attività, sia le due abitazioni di proprietà dei soci, che avevano garantito con il loro patrimonio personale l’ adempimento delle obbligazioni assunte dall’azienda.…

Cassazione: Mimmo Lucano, niente frode sugli appalti

Emblema mondiale dell'accoglienza dei migranti, da sindaco di Riace fu arrestato nei mesi scorsi. Poi gli fu impedito di rimanere nel suo paese

Domenico Lucano, da sindaco di Riace, non ha commesso alcuna frode negli appalti. Lo ha sancito la Corte di Cassazione che ha annullato, con rinvio al tribunale, il divieto di dimora. Lucano, simbolo di livello mondiale per l’accoglienza e l’integrazione dei migranti, venne arrestato alcuni mesi fa. Poi non gli fu concesso di tornare nel suo paese. Trattato come un delinquente. Senza esserlo. Ora è doveroso restituirgli l’enorme onorabilità che ha meritato in tanti anni, prima degli ultimi assurdi mesi.…

Tentato femminicidio della fidanzata a Morciano di Leuca: 30enne condannato a dieci anni di reclusione

Sentenza del gup di Lecce nei confronti di Giorgio Vitali. Lo scorso 3 settembre la 27enne di Tricase si salvò dalle coltellate

Anche sette coltellate, dell’aggressione del 3 settembre scorso a Morciano di Leuca. Questa ricostruzione dell’aggressione subita dalla 27enne di Tricase ha determinato la condanna nei confronti di Giorgio Vitali, agricoltore trentenne. Il gup di Lecce lo ha ritenuto responsabile di tentato omicidio della fidanzata, di un tentato femminicidio cioè, e lo ha condannato a dieci anni di reclusione.…


Droga venduta anche al nipote minorenne: 26enne di Grottaglie condannato a otto anni e due mesi di reclusione

Sentenza di primo grado, l'uomo era accusato anche di avere minacciato di morte sua sorella

Difesi dalla legale Caterina Argese di Martina Franca, al minorenne e sua madre sono stati riconosciuti risarcimenti rispettivamente quarantamila e diecimila euro. Dovrà corrisponderli il fratello 26enne della donna, secondo la sentenza collegiale di primo grado pronunciata a Taranto. Il giovane grottagliese era accusato di avere venduto (nel 2016) droga a varie persone e, per dieci volte, anche al nipote tuttora minorenne. In più doveva rispondere di minacce di morte nei confronti di sua sorella, che è mamma del ragazzino.…

Taranto: comportamento antisindacale, condannata Arcelor Mittal

Criteri di assunzioni ritenuti poco chiari. Accolta l'istanza Usb

Criteri poco chiari nella scelta dei lavoratori da assumere. Così il giudice del lavoro di Taranto ha condannato Arcelor Mittal per comportamento antisindacale. Accolta l’istanza Usb. Entro sessanta giorni il colosso del siderurgico dovrà rimuovere i motivi di quella scarsa chiatezza, dunque dovrà comunicare criteri e punteggi. Non sono in discussione i diritti acquisiti dagli assunti ma in caso di permanenza delle irregolarità, Arcelir Mittal dovrà procedere a nuove assunzioni o eventualmente al risarcimento di danni. Ciò, stando alla sentenza…

Fasano: minaccia di prendere “a calci nel culo” l’agente della riscossione, condanna in appello

Sentenza di secondo grado nei confronti di un 36enne

Secondo la querela, l’uomo oggi 36enne aveva minacciato l’agente della riscossione e lo aveva offeso dandogli dell’inbroglione millantatore. Fatti contestati risalenti a sei anni fa, a Fasano. In primo grado l’ingiuria e le minacce costarono una condanna all’uomo. In appello a Brindisi, caduta (perché non più fattispecie di reato) quell’ingiuria è però stata riconosciuta la minaccia. Nello specifico, quella di farla pagare, e di prendere “a calci nel culo”, l’agente della riscossione. Quattro mesi di reclusione (pena sospesa e non…


“Il fideiussiore non paga se il contratto è redatto sul modulo fornito dall’Abi”

Ceglie Messapica, avvocato Codacons: le pronunce dopo la sentrnza di Cassazione del 2017

Dall’avvocato Vincenzo Vitale, Codacons di Ceglie Messapica: Le banche rischiano di non recuperare i loro crediti, nonostante la garanzie personali richieste alle imprese per gli affidamenti concessi in conto corrente. Generalmente, le Banche provvedevano a predisporre i contratti di fideiussione sulla base dei moduli predisposti dalla loro associazione di categoria, l’ABI, che si sono rilevati contenenti clausole contrarie a norme imperative Sulla questione si pronunciava Cass. civ. Sez. I Ord., 12/12/2017 n. 29810 rilevando che le fideiussioni prestate a garanzia…

La scena fra due giornalisti tarantini si conclude con una condanna

Cassazione

Luigi Abbate avrebbe voluto intervistare, quando era ancora parlamentare, Michele Pelillo. Deputato tarantino, come il giornalista. A sostenere il diniego del deputato all’intervista, ecco un altro giornalista tarantino ma che vive a Roma, Antonio De Gennaro. Tutto ciò è finito, nella sede della Provincia di Taranto, con toni accesi, protagonisti i due cronisti. Toni delle minacce, secondo Luigi Abbate che ha querelato il collega. Il giudice di pace gli ha dato ragione, la Cassazione pure. Per De Gennaro è arrivata…

Condannato per avere soffocato la figlia di tre mesi nel sonno il 31enne di Altamura

Sentenza di primo grado, omicidio preterintenzionale: sedici anni di reclusione per Giuseppe Di Fonzo

Omicidio preterintenzionale, non volontario. Così ha deciso la Corte di assise di Bari nei confronti di Giuseppe Di Fonzo. Il 31enne di Altamura è stato giudicato l’assassino della figlia di tre mesi, soffocata nel sonno durante un ricovero a metà febbraio 2016. La bambina, precedentemente, era stata ricoverata per 67 giorni.…


Il Tar annulla lo scioglimento del consiglio comunale di Valenzano

Venne disposto nel 2017. Accolto il ricorso del sindaco Antonio Lomoro

A settembre 2017 venne decretato lo scioglimento del consiglio comunale di Valenzano. Per infiltrazioni mafiose. Il Tar del Lazio ha annullato tale scioglimento, accogliendo il ricorso di Antonio Lomoro, sindaco della disciolta amministrazione. “Gli atti gravati non sono riusciti ad evidenziare, per assenza di univocità e concretezza delle evidenze utilizzate, la ricorrenza di un’alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi ed amministrativi, tale da compromettere il buon andamento o l’imparzialità delle amministrazioni comunali e provinciali.”…

Berlusconi, indagato per corruzione in atti giudiziari: spera nell’archiviazione

Le sentenze pilotate e una prima archiviazione sullo stesso argomento

Di Enrico Pellegrini: All’origine di questa vicenda giudiziaria c’è il criterio dell’onorabilità. Vendere quote Mediaset ad un livello inferiore al dieci per cento avrebbe consentito a Berlusconi di aggirare l’ostacolo ma la Banca d’Italia impose comunque l’alt. Così Berlusconi ricorse al Tar: ricorso respinto. Verdetto ribaltato, nel 2016, dal Consiglio di Stato. Ciò, secondo l’accusa, fu frutto di corruzione. Per questo l’ex premier figura fra gli indagati dalla procura di Roma. Esprime fiducia sull’archiviazione il legale dell’ex premier, Ghedini, il…

La legge Merlin non è incostituzionale, l’alt alla richiesta della Corte di appello di Bari

I giudici pugliesi vi si erano rivolti nell'ambito del processo Tarantini per le escort nelle residenze di Berlusconi

Le osservazioni della Corte di appello di Bari, “non fondate”. Ovvero, la Corte costituzionale ritiene non incostituzionale la legge Merlin, specificamente per la parte relativa al libero esercizio della prostituzione. Alla Consulta i giudici pugliesi si erano rivolti nell’ambito del processo Tarantini, per le escort nelle residenze di Silvio Berlusconi.…