CONFASI
Flashnews: 20 febbraio 2019
Taranto: incendio nella notte, distrutta auto

Via Nitti


Ilva di Taranto: sequestro di aree. Accusa, trasformate in discarica. Nove indagati

Guardia di finanza. Oltre cinque milioni di tonnellate di rifiuti pericolosi in aree per 530mila metri quadrati complessivi, secondo la contestazione di disastro ambientale

L’ipotesi è di disastro ambientale. Sequestro preventivo, operato dai militari della Guardia di finanza-nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Taranto. Provvedimente del giudice per le indagini preliminari Vilma Gilli. Alcuni siti gestiti dall’Ilva, al margine nord dello stabilimento siderurgico tarantino (zona della gravina Leucaspide) secondo l’accusa erano stati utilizzati alla stregua di una discarica di oltre cinque milioni di tonnellate di rifiuti pericolosi da circa 530mila metri quadrati complessivi. Nove indagati.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guardia di finanza. Oltre cinque milioni di tonnellate di rifiuti pericolosi in aree per 530mila metri quadrati complessivi, secondo la contestazione di disastro ambientale

">