Nuova costruzione
Flashnews: 18 giugno 2019
Montalbano di Fasano: quindicenne in coma per una caduta da cavallo

Ricoverato al "Perrino" di Brindisi


Bari e Foggia, primarie del centrodestra il 17 febbraio

Elezioni amministrative 2019: metodo di scelta dei candidati anche negli altri Comuni pugliesi in cui se ne verifichino le condizioni

Di seguito il comunicato:

Presentazione delle candidature entro sabato 19 gennaio, si voterà domenica 17 febbraio in un unico seggio. Il regolamento delle Primarie per la scelta del candidato sindaco per Bari e Foggia – redatto in tempi record dai tre “saggi” on. Nuccio Altieri per la Lega, on. Antonio Distaso per Direzione Italia e on. Marcello Gemmato per Fratelli d’Itali a- è stata presentata questa mattina in conferenza stampa, al Fortino Sant’Antonio, dai tre coordinatori regionali Andrea Caroppo (Lega), Francesco Ventola (DIt) e Erio Congedo (FdI).

Per regolamentare la procedura, non essendoci una normativa nazionale, si è tenuto conto delle esperienze pregresse, da ripetersi come per quelle di Lecce, Trani e di Terlizzi, e non come quelle che il PD ha svolto a Bari nel 2014. Il voto sarà gratuito ed accessibile a tutti i cittadini iscritti nelle liste elettorali, con la sola esibizione del documento d’identità. Questo a garanzia di un metodo di scelta partecipativo anche in fase consultiva e non già scritto o definito dall’alto.

“Siamo stati di parola – dichiara il segretario leghista Caroppo-, abbiamo consegnato in tempi brevissimi il regolamento che consentirà di svolgere una competizione vincente e ai cittadini di avere un metodo di selezione partecipativo, trasparente e ampio per la scelta del miglior candidato sindaco nel rispetto della legalità”.

“Getteremo le basi per un nuovo centrodestra -dichiara il segretario di Direzione Italia Ventola -, oltre alla formazione di una coalizione larga e inclusiva che però non perda la propria identità. Il regolamento è stato redatto dai ‘saggi’ nella piena libertà di raggiungere un risultato comune e senza personalismi”.

“Al di là degli aspetti di dettaglio – dichiara il coordinatore di FdI Congedo-, il regolamento per quanto applicabile è legato alla normativa nazionale per l’elezione dei sindaci. Questo non solo a dimostrazione di serietà e trasparenza ma a garanzia per i cittadini e per le liste e i movimenti civici che vogliono dare un contributo concreto, come già sta succedendo a Bari”.


allegro italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Elezioni amministrative 2019: metodo di scelta dei candidati anche negli altri Comuni pugliesi in cui se ne verifichino le condizioni

">