Taras
Flashnews: 20 settembre 2018
Sarte pagate un euro all’ora. In Puglia. La denuncia del New York Times che accusa colossi italiani della moda

"Made in Italy, ma a che prezzo?" e condizioni di lavoro paragonate a quelle in India, Bangladesh, Cina e Vietnam


Ilva: Gentiloni chiede di nuovo il ritiro del ricorso. Associazioni: si vada avanti

Oggi ancora una testimonianza del dilemma mangiare o respirare, il dramma di Taranto

Qualora ve ne fosse bisogno, oggi il dilemma o mangi o respiri si è ripresentato per Taranto. Come ogni giorno. Il tema è, ovviamente, quello dell’Ilva. Più o meno alla stessa ora, il premier Paolo Gentiloni (nella conferenza stampa di fine anno) chiedeva a Comune di Taranto e Regione Puglia di ritirare il ricorso; associazioni tarantine presentavano le iniziative per sostenere il ricorso.
Fra le cose dette: Gentiloni, non si può mettere a rischio il lavoro di 14mila persone. Nella manifestazione delle associazioni, il racconto fatto da una dottoressa: una 39enne residente ai Tamburi, ha un cancro alle fosse nasali.
O mangi o respiri. Questo, non si è risolto. E si continua a non risolvere.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Oggi ancora una testimonianza del dilemma mangiare o respirare, il dramma di Taranto

">