Nuova costruzione
Flashnews: 19 marzo 2019
Giornalista salentina ripetutamente minacciata di morte, “confermare subito la scorta”

Per Marilù Mastrogiovanni la sollecitazione dell'eurodeputata Rosa D'Amato, il ministero dell'Interno "non può permettersi di perdere altro tempo"


Terremoto, oltre 120 morti Sindaco: il paese non c’è più

La scossa più forte: magnitudo 6, epicentro nel reatino, alle 3,36. Avvertita da Rimini a Taranto. In 20 ore, circa 250 scosse: 4,9 alle 13,51 avvertita a Roma. Protezione civile: come L'Aquila, scenario diverso

terremoto rietiIl presidente del Consiglio, Matteo Renzi, parla di “almeno 120 vite spezzate”.

Delle 164 scosse in dodici ore, e circa 250 in venti ore, le ultime forti in ordine cronologico, alle 13,51 (magnitudo 4,9: avvertita anche a Roma) e nel tardo pomeriggio, magnitudo 4,4 con epicentro nel reatino.

La scossa più forte è stata la prima, quella delle 3,36. Provincia di Rieti, territorio di Accumoli, l’epicentro. Magnitudo 6. Avvertita da Rimini a Napoli. Da quel momento, un susseguirsi nel centro Italia, con almeno altre cinque scosse di magnitudo superiore o prossima a 4, in provincia di Perugia essenzialmente e di nuovo nel reatino, dalla notte al mattino. Il sindaco di Accumoli parla di almeno sei morti fra cui bambini. Il sindaco di Amatrice fa riferimento a vittime e numerosi dispersi e dice, in una prima considerazione dell’accaduto, il paese non c’è più.

(immagine sisma: fonte ingv.it; foto conseguenze del terremoto, fonte la rete)

terremoto centro italia


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La scossa più forte: magnitudo 6, epicentro nel reatino, alle 3,36. Avvertita da Rimini a Taranto. In 20 ore, circa 250 scosse: 4,9 alle 13,51 avvertita a Roma. Protezione civile: come L'Aquila, scenario diverso

">