Flashnews: 26 marzo 2017
Emanuele Morganti, venti anni: ammazzato di botte dal branco

Accaduto ad Alatri. Voleva difendere la fidanzata dalle molestie di un ubriaco, è morto in serata

Terremoto, oltre 120 morti Sindaco: il paese non c’è più

La scossa più forte: magnitudo 6, epicentro nel reatino, alle 3,36. Avvertita da Rimini a Taranto. In 20 ore, circa 250 scosse: 4,9 alle 13,51 avvertita a Roma. Protezione civile: come L'Aquila, scenario diverso

terremoto rietiIl presidente del Consiglio, Matteo Renzi, parla di “almeno 120 vite spezzate”.

Delle 164 scosse in dodici ore, e circa 250 in venti ore, le ultime forti in ordine cronologico, alle 13,51 (magnitudo 4,9: avvertita anche a Roma) e nel tardo pomeriggio, magnitudo 4,4 con epicentro nel reatino.

La scossa più forte è stata la prima, quella delle 3,36. Provincia di Rieti, territorio di Accumoli, l’epicentro. Magnitudo 6. Avvertita da Rimini a Napoli. Da quel momento, un susseguirsi nel centro Italia, con almeno altre cinque scosse di magnitudo superiore o prossima a 4, in provincia di Perugia essenzialmente e di nuovo nel reatino, dalla notte al mattino. Il sindaco di Accumoli parla di almeno sei morti fra cui bambini. Il sindaco di Amatrice fa riferimento a vittime e numerosi dispersi e dice, in una prima considerazione dell’accaduto, il paese non c’è più.

(immagine sisma: fonte ingv.it; foto conseguenze del terremoto, fonte la rete)

terremoto centro italia


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *