Nuova costruzione Divingusto Divingusto
Flashnews: 19 aprile 2019
Az Picerno-Taranto, dopo i tre calciatori all’ospedale finisce in accuse reciproche

Foggia: calciatori rompono maxiuovo di Pasqua

Flashnews: 17 aprile 2019
Elezioni europee, i candidati

LISTE CIRCOSCRIZIONE SUD ITALIA


Carcere di Taranto, interrogazione di due deputate

Le esponenti M5S chiedono al ministro un intervento urgente

Di seguito un comunicato diffuso dal movimento 5 stelle:

“Nei giorni scorsi il suicidio in cella di un detenuto verificatosi nel carcere di Taranto ha riportato all’attenzione dell’opinione pubblica le gravi problematiche che riguardano il sistema carcerario italiano, legate principalmente al cronico sovraffollamento e alla inadeguatezza di risorse umane ed economico-finanziarie.
Le problematiche segnalate anche nel corso di una recente visita da noi effettuata al carcere di Taranto, che riguardano principalmente il sovraffollamento delle celle, con 600 detenuti a fronte di una capienza di 305 posti e con uno spazio minimo per detenuto al di sotto dei 3 metri quadrati per cella collettiva – soglia stabilita dalla Corte europea dei diritti dell’Uomo – che negli ultimi anni ha condannato più volte l’Italia per il ‘trattamento inumano e degradante’ nelle sue carceri, e alla cui sorveglianza sono adibiti solo due agenti per tre sezioni detentive, ognuna lunga più di 50 metri, con ogni singolo agente impegnato in più servizi contemporaneamente per far fronte alle varie esigenze ed emergenze, tra cui quelle legate alla mancanza di uno spazio all’aperto a disposizione dei detenuti per momenti di socializzazione.

Ad oggi, tra l’altro, non abbiamo nessun riscontro rispetto alle dichiarazioni rilasciate il 5 novembre 2018, in occasione di una manifestazione regionale di protesta del SAPPE a davanti al carcere di Bari, dal capo del DAP Basentini, circa una serie di interventi per la regione Puglia, finalizzati a un miglioramento delle condizioni degli istituti penitenziari presenti sul territorio.

In considerazione di questi elementi abbiamo presentato una interrogazione al Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, per richiedere un intervento urgente finalizzato al reperimento di risorse umane ed economico-finanziarie dirette a garantire condizioni di vita dignitose ai detenuti della struttura penitenziaria del capoluogo ionico e a far sì che gli agenti penitenziaria possano svolgere il proprio lavoro in maniera adeguata, senza sottoporsi a turni massacranti per fronteggiare le varie urgenze che possono verificarsi in un ambiente in cui spesso può crearsi un clima di grande tensione, con ricadute negative sulla sicurezza dell’intero comparto”.

Lo dichiarano le deputate del Movimento 5 Stelle, Alessandra Ermellino e Valentina Palmisano.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le esponenti M5S chiedono al ministro un intervento urgente

">