Flashnews: 15 dicembre 2017
Foggia, stazione: arrestato terrorista algerino

Yacine Gasry deve scontare quasi cinque anni di reclusione

Taranto: Giornata dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, non ai Tamburi

Il vento sporco ha la meglio, scuole chiuse. Una tredicenne scrive a Gentiloni

Il vento, cosa vuoi che ne sappia, se sia il 20 novembre. Tanto meno, cosa rappresenti. Il vento arriva. E a Taranto, quando soffia in un.certo senso e ad una certa velocità, arriva, suo malgrado sporco. Anche oggi: 20 novembre. Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Purtroppo, tali diritti vengono oltraggiati in maniera mostruosa in chissà quante parti del mondo, anche oggi. A Taranto, rione Tamburi, il diritto all’istruzione, proprio oggi, è precluso. Perché c’è il vento sporco di cui sopra e in circostanze del genere il sindaco ordina la chiusura delle scuole in quel rione.

Di seguito un comunicato diffuso dai genitori tarantini:

“Buonasera, sono una ragazzina di 13 anni e frequento la scuola Gabelli nel quartiere Tamburi…domani io e la mia classe avremmo dovuto partecipare ad una marcia per i diritti dei ragazzi ma a causa wind day non possiamo andarci. Non è giusto che noi dei Tamburi dobbiamo sempre essere emarginati da tutto e non abbiamo il diritto di partecipare a degli eventi, eppure lo scopo di quella marcia è proprio far valere il diritto che noi adolescenti abbiamo…noi vogliamo una risposta POSSIAMO VIVERE O NO?”

La semplicità con cui questa adolescente illustra la terribile realtà cui è costretta una intera comunità della “democratica” repubblica italiana è totalmente disarmante. Cosa si può rispondere a questo grido di giustizia? Cosa possiamo insegnare ai nostri giovani? Quale esempio propone il comportamento cieco e sordo di chi governa la cosa pubblica?

Nel giorno del 28° anniversario della Convenzione internazionale dei Diritti del Fanciullo, approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, a Taranto (Italia) questi diritti vengono ancora una volta negati.

Solo Taranto può battere il record che già detiene: da oltre cinquanta anni, ogni maledetto giorno è sofferenza; in alcuni giorni è più sofferenza che in altri.

E’ morte, è malattie, è disoccupazione, è diritti negati, è falde acquifere e territorio inquinati, è presente indegno e futuro improponibile. E’ bellezza sfregiata e offesa dalla bruttezza.

I wind days scaricano sulla città tonnellate di polvere di ferro, accompagnate dagli altri immancabili inquinanti venefici. Non c’è copertura che tenga: quelle montagne di minerale devono sparire insieme all’intera area industriale. Taranto ha già pagato in misura insopportabile il tributo alla “produzione strategica per la nazione”. E’ arrivato il momento di restituire, bonificata, quella parte di territorio alla comunità tarantina. Senza più appellarsi come bambini alla “ragione di Stato”.

BASTA! “Chi inquina, paga.” (Direttiva 2004/35/CE)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *