Summer Festival
Flashnews: 19 giugno 2019
Esami di maturità, prima prova: tracce

Fra le altre, su Ungaretti e Sciascia, Bartali e Dalla Chiesa

Flashnews: 18 giugno 2019
Montalbano di Fasano: quindicenne in coma per una caduta da cavallo

Ricoverato al "Perrino" di Brindisi


Foggia: Pippo Cavaliere, il presidente della fondazione antiusura è il candidato sindaco del centrosinistra

Elezioni comunali in primavera. Marasco: e adesso tutti insieme

Il presidente della fondazione antiusura Buon samaritano è il candidato sindaco del centrosinistra a Foggia. In serata definita l’intesa sulla figura di Pippo Cavaliere, ok del partito democratico, sostegno di Michele Emiliano.

Di seguito un comunicato diffuso da Augusto Marasco:

Uscire dal privato e impegnarsi per la propria città è una prova di amore e dedizione alla comunità da incoraggiare e custodire con cura. Da cittadino foggiano, prima ancora che come Capogruppo del Partito Democratico e candidato sindaco di Foggia nel 2014, non posso che apprezzare l’impegno annunciato da parte di chi oggi si candida a guidare e a tenere unito un fronte largo ed eterogeneo che, cinque anni fa, con fatica colse l’importanza della sfida che Foggia aveva di fronte.
Riconosco le stesse ragioni che mi spinsero nel 2012 ad accettare di svolgere le funzioni di Assessore all’Urbanistica, con l’esperienza e la cultura di cui ero portatore quale Presidente dell’Ordine degli Architetti, fermamente convinto che ogni mio gesto dovesse essere ispirato a contribuire, anche solo per una piccola parte, a migliorare la città in cui sono nato, sono cresciuto, sono diventato un professionista, mi sono sposato e visto diventare grandi i miei figli.
Questa motivazione “di servizio” ha ispirato la mia esperienza da candidato Sindaco del 2014 e i successivi cinque anni di attività quotidiana da consigliere comunale, che ho onorato partecipando attivamente ai lavori dell’Assemblea e delle Commissioni consiliari.
Ho denunciato dalla primissima ora, anzi da quando le urne consegnarono un sindaco eletto per soli “366 voti” i rischi e le già evidenti derive che, adesso, sono in molti a riconoscere.
Foggia non va soltanto salvata, ma va proiettata con energia verso un futuro che, oggi, è rabbuiato dalle azioni e dalle omissioni che ne stanno ipotecando le potenzialità.
Farò il tifo dalla tribuna anzi dalla curva affinché si affermi lo schieramento di centrosinistra, con la consapevolezza che lo spazio della politica attiva va lasciato a protagonismi nuovi e che, fuori dalle istituzioni, non manchino occasioni e necessità di impegno non meno rilevanti per costruire una Foggia migliore.
Ringrazio gli amici e colleghi consiglieri comunali del mio partito che hanno condiviso con me tante battaglie nell’unico luogo deputato: l’assise consiliare, benché i detrattori di professione abbiano affermato che in questi anni non ci sia stata opposizione da parte nostra.
Ringrazio anche tutti gli altri consiglieri, le donne e gli uomini che lavorano a Palazzo di Città, ma soprattutto torno a ringraziare e a salutare con affetto tutti i 27.473 foggiani che, cinque anni fa, mi onorarono del loro voto e che si riconobbero in quel progetto ambizioso che oggi più che mai è ancora possibile realizzare anche senza quel “sognatore” di allora.
Ma un ringraziamento lo rivolgo anche all’altra metà dei foggiani che non mi onorarono del loro consenso ma che ho servito interpretando la mia funzione nell’interesse generale.
E adesso tutti insieme #perunaFoggiamigliore.


allegro italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Elezioni comunali in primavera. Marasco: e adesso tutti insieme

">