Taras
Flashnews: 15 novembre 2018
Puglia: maltempo, allerta. Codice giallo per tarantino e Salento

Protezione civile, previsioni meteo


Statale 275 Maglie-Leuca, “irresponsabile e incredibile bagarre politica”

Intervento di Raffaele Fitto, "chi governa ha il dovere di fare chiarezza"

Di seguito un comunicato diffuso da Raffaele Fitto:

In questi giorni sulla Statale 275 Maglie-Leuca assistiamo ancora una volta , come da anni, ad una irresponsabile ed incredibile bagarre politica che ha il solo effetto di rallentare ancora una volta lavori per un’arteria indispensabile per tutto il territorio. Sia da Presidente della Regione Puglia (2000-2005) e sia da Ministro agli Affari regionali( 2008-2011) ho seguito in prima persona la realizzazione di questa fondamentale infrastruttura e mi piace ricordarlo nel dettaglio e con i fatti:

– il 21 novembre del 2003 viene sottoscritta una convenzione tra la Regione Puglia e l’Anas, per definire fonti di finanziamento dell’opera e modalità di realizzazione .

– il Cipe, con delibera n. 92 del 2004 approva il progetto preliminare della SS 275 (con un costo complessivo di 165,5 milioni di euro), totalmente finanziato dalla Regione, senza risorse pubbliche statali aggiuntive;

– il Cipe, con delibera n. 76 del 2009, approva il progetto definitivo dell’intervento, con l’ampliamento a 4 corsie come già previsto dal progetto preliminare. Il costo è di 287,7 milioni di euro ed assegna ad Anas un finanziamento ulteriore di 135,3 milioni di euro a carico della quota del Fondo infrastrutture destinata al Mezzogiorno che si aggiunge a quello della Regione Puglia del 2003 di 152,4.

– Infine, il 3 marzo 2011, presso il Ministero degli Affari regionali, con l’Anas, la Regione Puglia e la Provincia di Lecce finalmente fu sottoscritto un protocollo d’intesa in cui si accoglieva , dopo lunghissime trattative, la richiesta ( dal mio punta di vista discutibile e che aveva fatto perdere alcuni anni ) della Regione di realizzare l’ultimo tratto, a partire da San Dana, a due corsie e di rendere l’opera compatibile con il paesaggio, secondo i criteri della strada-parco pur di giungere ad un’intesa e realizzare l’opera .

Con questo breve cronoprogramma non intendo rivendicare nulla, ma intendo solo sottolineare le gravi responsabilità che ci sono state fino ad oggi e far presente che chi ora ha responsabilità di Governo, ha l’obbligo di fare chiarezza perché al nostro territorio non serve un governo bifronte che al suo interno abbia contemporaneamente chi e’ favorevolissimo e chi e’ contrarissimo . Serve realizzare questa infrastruttura .


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intervento di Raffaele Fitto, "chi governa ha il dovere di fare chiarezza"

">