Nuova costruzione
Flashnews: 25 maggio 2019
Mercatone Uno, chiuso per fallimento. In Puglia la crisi riguarda 256 lavoratori

Decisione del tribunale di Milano

Flashnews: 25 maggio 2019
Ginosa: mangiano funghi. Un ricoverato in rianimazione

Intossicati anche la moglie e il figlio


Taranto, Ordine degli avvocati: da oggi elezioni

Tre consiglieri uscenti non si ripresentano e dichiarano il loro sostegno

Di seguito il comunicato diffuso dai tre avvocati:

Gli avvocati Paola Donvito, Rosario Orlando e Sebastiano Comegna, tre consiglieri uscenti dell’Ordine degli Avvocati, hanno deciso di non ripresentare la propria candidatura alle elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Taranto che, come è noto, si terranno nei giorni 16, 17 e 18 maggio.

I tre professionisti hanno incontrato la stampa per motivare questa loro scelta e, nel contempo, annunciare che nelle prossime elezioni appoggeranno la candidatura dell’avvocato Fedele Moretti a presidente dell’Ordine degli Avvocati di Taranto, una candidatura già sostenuta da una squadra di 16 candidati.

Ha esordito Paola Donvito intervenendo in merito alla vexata quaestio introdotta dalla recente normativa per vieterebbe ai consiglieri di essere eletti per più di due mandati consecutivi: «se per un verso è pienamente condivisibile – ha detto Paola Donvito – il principio dell’alternanza per evitare cristallizzazioni di funzioni, per altro verso è necessario non disperdere le competenze di quanti hanno ben operato nell’interesse di tutti».

«Purtroppo ho preso atto che è in corso – ha poi detto l’avvocato Paola Donvito – un pericoloso mutamento del nostro ordinamento giuridico in cui la magistratura afferma i principi sui quali le leggi si devono basare e il legislatore legifera in conformità, mentre l’avvocatura assiste, anzi plaude alla sua perdita di prestigio e autorevolezza».

Sullo stesso argomento è intervenuto anche l’avvocato Rosario Orlando: «ho rinunciato alla candidatura nel rispetto di una legge che, per onestà intellettuale, ritengo di non condividere, soprattutto per le motivazioni in quanto intenderebbe, vietando la candidatura di chi ha svolto due consigliature consecutive, evitare “le rendite di posizioni” e lo “sclerotizzarsi” delle funzioni di consiglieri. Tale principio, che ha trovato terreno fertile sia in menti semplici, sia in nuovi “paladini della giustizia”, e purtroppo, anche in cuori amici, dà una immagine del Consigliere dell’Ordine assolutamente lontana dalla realtà».

Rosario Orlando ha rimarcato che «per quel che riguarda me, e la stragrande maggioranza dei consiglieri con cui ho lavorato per 15 anni, la carica ha offerto tanti onori, ma soprattutto tanti oneri che, scientemente, abbiamo voluto portare sulle nostre spalle togliendo tempo ed energie alla professione e alla famiglia, nonché al nostro privato. L’unico ritorno è stato in termini di rapporto e spirito di servizio verso i colleghi».

«Il mio auspicio – ha concluso Rosario Orlando – è che gli amici della squadra che vuole Fedele Moretti Presidente dell’Ordine possano raggiungere la maggioranza in consiglio, in modo da consentire all’amico Fedele di guidare il l’Ordine degli Avvocati di Taranto per i prossimi quattro anni».

Concludendo l’incontro l’avvocato Sebastiano Comegna ha ringraziato tutti coloro che l’hanno sostenuto in tanti anni di consigliatura – “una straordinaria esperienza che mi ha migliorato come persona e professionista” – ribadendo l’intendimento di appoggiare la candidatura di Fedele Moretti a presidente dell’Ordine degli Avvocati di Taranto: «chiedo a tutti i colleghi che mi hanno votato in passato di esprimere in queste elezioni il loro voto a favore di Fedele Moretti e dei sedici colleghi che appoggiano la sua candidatura, consentendo al Consiglio dell’Ordine di continuare l’ottimo lavoro fin qui svolto nell’interesse esclusivo della nostra categoria professionale».


allegro italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tre consiglieri uscenti non si ripresentano e dichiarano il loro sostegno

">