Nuova costruzione
Flashnews: 25 maggio 2019
Mercatone Uno, chiuso per fallimento. In Puglia la crisi riguarda 256 lavoratori

Decisione del tribunale di Milano

Flashnews: 25 maggio 2019
Ginosa: mangiano funghi. Un ricoverato in rianimazione

Intossicati anche la moglie e il figlio


Bentivogli oggi a Taranto e Martina Franca

Il leader del sindacato Fim Cisl presenta il suo libro

Di seguito un comunicato diffuso da Fim-Cisl:

Mercoledì 15 maggio il segretario generale dei metalmeccanici Cisl, Marco Bentivogli sarà a Taranto e a Martina Franca.
In mattinata, alle 11,30, Bentivogli incontrerà a Taranto gli studenti dell’istituto tecnico Augusto Righi; alle 18,00, poi, sarà alla Cittadella delle Imprese (viale Virgilio, 152).
Motivo del doppio appuntamento tarantino, la presentazione dell’ultimo suo libro dal titolo: Contrordine Compagni, Manuale di resistenza alla tecnofobia per la riscossa del lavoro e dell’Italia – edito da Rizzoli. Il libro, che ad un mese dall’uscita è già alla terza ristampa – ha aperto nel Paese un dibattito intorno a quella che l’autore chiama la tecnofobia, ovvero la paura del nostro paese per la tecnologia e l’innovazione.
Ne discuteranno con l’autore, alle 18,00 nella sala “Monfredi” della Cittadella delle Imprese, il giornalista Domenico Palmiotti, il segretario del Partito Democratico di Taranto Gianpiero Mancarelli e il presidente di PeaceLink Alessandro Marescotti.
Alle 19,30 Bentivogli si sposterà a Martina Franca, ospite dell’associazione Allegroitalia (via Ignazio Ciaia, 10), per partecipare all’incontro “Verso l’alto – Up Ward. Pensieri,persone, progetti”. Dialogheranno con l’autore, il giornalista Mimmo Mazza, il presidente sezione servizi innovativi e di supporto alle imprese Confindustria Taranto e breanch manager Adecco Italia Spa Cosimo Carrieri e la knowledge transfer manager Università degli studi di Bari Annalisa Turi.
La tecnofobia – dichiara Marco Bentivogli – è la versione moderna del luddismo, una malattia antica dalla quale non siamo mai usciti veramente. Ma è molto più insidiosa, più profonda, scatena costantemente una reazione antagonista all’innovazione, coalizza trasversalmente l’Italia pigra e furba. Il libro vuole essere una guida sulle ultime tecnologie per capire strumenti complessi, dall’intelligenza artificiale a industria 4.0, dalla blockchain all’Iot ma è soprattutto un manuale di riscossa culturale e “industrialista”.

Uno strumento di riflessione per liberare dai pregiudizi, stupidaggini e falsità che inquinano la nostra visione del mondo e del futuro. Dobbiamo anticipare – sottolinea – il cambiamento che il digitale sta portando al lavoro alla società, lavorare insieme per creare le condizioni infrastrutturali e culturali per far si che nessuno rimanga fuori e che tutti possano godere dei benefici che la tecnologia porterà.

In Italia c’è ancora un dualismo sempre più forte tra aziende e territori che fanno innovazione e quelle che restano indietro. Le realtà innovative investono, ri-organizzano, formano i lavoratori, sono più competitive, esportano di più, hanno risultati migliori. Le altre che, per vari motivi, ma spesso legati ai vertici, non seguono i cambiamenti in atto, sono meno efficienti, più disorganizzate, perdono clienti, posti di lavoro e servizi. Spesso sono aziende e territori più brutti, anche da un punto di vista estetico. Un’arretratezza visibile anche nelle cose e nel loro contesto, oltre che nei risultati.
Tutti temi che verranno discussi con l’autore nelle due tappe ioniche di presentazione del libro.


allegro italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il leader del sindacato Fim Cisl presenta il suo libro

">