Taras
Flashnews: 15 novembre 2018
Puglia: maltempo, allerta. Codice giallo per tarantino e Salento

Protezione civile, previsioni meteo


“Crac Banca Valle d’Itria: 16 furono gli indagati, 3 milioni di buco e 2000 piccoli risparmiatori che aspettano”

Utelit: “Con il def 2018 saranno tutelati i tanti risparmiatori della banca fallita nel 2010? Oppure il provvedimento riguarderà solo le banche del nord?”

Di seguito un comunicato diffuso da Utelit:

L’interrogativo è lanciato da Rocco Monaco, Presidente Nazionale di Utelit, storica Associazione Nazionale Utenti Televisivi e Consumatori che da anni segue la spinosa vicenda:

 

Ancora una volta ritorniamo sulla questione del Crak della Banca popolare della Valle D’Itria di Martina Franca, fallita nel 2010 coinvolgendo circa 2000 piccoli risparmiatori che avevano investito nell’acquisto di quote Sociali della Banca Popolare della Valle D’Itria e Magna Grecia”.

 

Il Presidente Rocco Monaco oggi si rivolge al Ministro Luigi Di Maio ed al Ministro Matteo Salvini, affinché “il provvedimento del Mef 2018 già presentato in questi giorni alla Camera dei Deputati, dove è stata prevista la somma di 1.5 miliardi di euro a favore dei truffati dalle banche non sia riservato esclusivamente alle Banche del Nord ma che possa invece essere indirizzato almeno ai piccoli azionisti della Banca Valle d’Itria di Martina Franca”.

 

Mi auguro che tutti i Parlamentari Deputati e Senatori in modo particolare quelli del Movimento Cinquestelle, tarantini e brindisini, intervengano in sede di discussione del MEF. Da parte nostra, resteremo vigili e continueremo a seguire attentamente l’intera vicenda.

 

Invitiamo quindi tutti i risparmiatori – chiosa il presidente Monaco –  a contattare la nostra associazione, inviando una mail all’indirizzo:televisioni@hotmail.it per coordinare e pianificare insieme le iniziative di tutela che come Utelit intendiamo portare avanti.

Quando, in periodo di campagna elettorale, otto mesi fa, da qui (e solo da qui) si evidenziava nell’articolo che si può leggere cliccando qui un possibile conflitto di interesse di un candidato poi divenuto parlamentare, tutti zitti. Tutti. Adesso, tutti, si tengano quello che arriva. Fatto salvo che quel parlamentare, fino a prova del contrario, è pienamente legittimato all’azione che svolge.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utelit: “Con il def 2018 saranno tutelati i tanti risparmiatori della banca fallita nel 2010? Oppure il provvedimento riguarderà solo le banche del nord?”

">