Flashnews: 23 agosto 2017
Altamura: arrestato il 34enne Cesare Michele Oreste, per un duplice assassinio di stampo mafioso sette anni fa

Furono uccisi Rocco Lagonigro e Vincenzo Ciccimarra, componenti del clan Palermiti

Flashnews: 23 agosto 2017
Ischia, terremoto: alle 5,04 una lieve scossa

Magnitudo inizialmente stimata 1,9. Prima notte dopo quella dell'emergenza nell'isola

Lama: arrestato trentenne. Accusa: estorti 17 euro alla madre, minacciata con un coltello, per comprare droga

Massafra: violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia. Con queste accuse, arrestato 34enne

Di seguito un comunicato dei carabinieri e, a seguire, quello della polizia:

I Carabinieri della Stazione di Massafra hanno eseguito una misura cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Taranto, dott. Benedetto RUBERTO, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica, dott.ssa Antonella DE LUCA, nei confronti di un 34enne del posto, pregiudicato, già sottoposto alla Sorveglianza Speciale con Obbligo di Soggiorno nel comune di residenza, per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale. Le indagini, avviate a seguito della denuncia sporta dalla convivente lo scorso mese di dicembre e condotte dal personale della Stazione di Massafra, hanno fatto emergere il contesto di assoggettamento psicologico e vessatorio in cui la vittima versava. La stessa, esasperata dalle angherie subite dal compagno ormai da più di un anno, ha deciso di raccontare tutto ai Carabinieri. L’uomo, accecato dalla gelosia, era solito ripetutamente picchiare la donna, in alcune circostanze anche alla presenza del figlio minorenne e di altri familiari della stessa, costringendola, altresì, contro la sua volontà, ad avere continui rapporti sessuali, che riprendeva con la telecamera del proprio cellulare.
L’inizio della gravidanza del loro figlio è stato il punto di partenza dei comportamenti violenti che l’uomo ha iniziato ad assumere nei confronti della propria compagna e che ha mantenuto costantemente in tutti questi anni, picchiandola, maltrattandola e sottraendola ai propri affetti familiari, rinchiudendola nella loro abitazione per evitare che potesse intrattenere alcun tipo di rapporto con altre persone. La triste vicenda si è conclusa con la reclusione nel carcere del capoluogo jonico dell’uomo per maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale e violazione degli obblighi della Sorveglianza Speciale di P.S. alla quale era sottoposto.

—–

Nel pomeriggio di ieri gli Agenti della Sezione Volante, sono intervenuti in aiuto di una anziana signora, residente a Lama, che per l’ennesima volta aveva subito le minacce del figlio di anni 30 anni, che chiedeva soldi per l’acquisto di sostanza stupefacente.
Nel frangente il 30enne era riuscito ad impossessarsi di 17 euro.
Dopo aver acquistato ogni elemento utile volta al rintraccio del figlio violento, i poliziotti riuscivano a rintracciarlo nelle vicinanze della sua abitazione.
Da un primo controllo personale, gli agenti rinvenivano un coltello con una lama della lunghezza di 8 cm. e la somma di denaro estorta alla madre.
Accompagnato negli uffici della Questura , il giovane veniva dopo le formalità di rito tratto in arresto e su disposizione dell’A.G. competente accompagnato presso la locale casa circondariale.

violenza

 

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *