Flashnews: 22 febbraio 2017
Trinitapoli: tentato omicidio, in prognosi riservata il 69enne Giuseppe Bollino

Gli hanno sparato alle spalle

Ilva di Taranto: aziende dell’indotto rischiano di non pagare i dipendenti perché non ricevono soldi dal colosso siderurgico

Brindisi: Santa Teresa, nuova protesta dei lavoratori destinati al licenziamento. Salgono sul tetto del palazzo della Provincia e minacciano di lanciarsi nel vuoto

Confindustria Taranto lancia l’allarme, varie aziende dell’indotto Ilva rischiano di non poter pagare i dipendenti. In realtà alcune non pagano già da mesi. Ci sono arretrati da parte del colosso siderurgico nei confronti delle imprese appaltatrici, tali da provocare la situazione critica. Convocati i sindacati per un vertice da tenersi il 15 dicembre. Peraltro, Ilva sostiene che entro la settimana saranno pagate tutte le fatture.

Da Taranto a Brindisi: la Santa Teresa, società facente capo alla Provincia, fa la stessa fine della tarantina Isolaverde e così, a Brindisi, vanno a casa in 122. I licenziamenti sono previsti per il 31 dicembre. Proteste dei lavoratori, anche stamani. Una ventina di dipendenti Santa Teresa, sul tetto del palazzo della Provincia. Minacciano di buttarsi nel vuoto. Fra l’altro, un lavoratore che era intento, con gli altri, a salire sul tetto, è scivolato e si è ferito.

disoccupati

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *