Taras
Flashnews: 15 novembre 2018
Puglia: maltempo, allerta. Codice giallo per tarantino e Salento

Protezione civile, previsioni meteo


Brindisi: lavoro nero o irregolare, problemi in dieci aziende su 11 controllate

Contestate violazioni penali e amministrative

Di seguito un comunicato diffuso dai carabinieri:

I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Brindisi, a conclusione degli accertamenti ispettivi finalizzati a contrastare il lavoro sommerso e irregolare, nonché la verifica del rispetto della specifica normativa, hanno deferito in stato di libertà nove persone in qualità di rappresentanti, titolari o amministratori di aziende, ritenuti responsabili, a vario titolo, delle violazioni contemplate dal Testo Unico in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Al termine delle verifiche, i Carabinieri hanno:

– controllato 11 aziende, di cui 10 sono risultate irregolari;

– controllato 15 lavoratori, di cui 5 irregolari e 10 “in nero”;

– contestato violazioni penali per un importo totale di ammende di € 56.200;

– contestato violazioni amministrative per un importo totale di € 36.500;

Nel prosieguo degli approfonditi accertamenti, gli operanti hanno adottato un provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale per l’impiego di manodopera “in nero”, nei confronti di una ditta operante nel settore edilizio.

—–

L’olio extravergine di oliva è uno dei prodotti d’eccellenza del nostro Paese, ma anche quello a maggior rischio di frodi e sofisticazioni. È considerato, uno dei prodotti cardine della dieta mediterranea ed è uno degli alimenti più sofisticati in Europa. Dietro ai marchi di oli sedicenti italiani ed etichette fuorvianti, vengono commercializzati oli di oliva di bassissima qualità. Nella giornata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Taranto, competenti arealmente per questa provincia, su provvedimento di sequestro su scala nazionale, emesso dalla Procura della Repubblica di Perugia, hanno effettuato una serie di verifiche all’interno di alcuni supermercati della zona. Nella circostanza, hanno deferito in stato di libertà, il titolare di un punto vendita, per la detenzione di quantitativi di olio extra vergine di oliva, imbottigliato, contraffatto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contestate violazioni penali e amministrative

">