La casa di canapa: edilizia sostenibile, si lavora a costruzioni con materiali made in Puglia

Progetto Smaw building, accordo fra politecnico di Bari e Formedil

Di seguito il comunicato:

È allo stato di rustico, nella sede del Formedil-Bari, il primo modulo realizzato con la tecnologia calce-canapa che utilizza come materia prima gli scarti della coltivazione della canapa.

La realizzazione rientra nel progetto di ricerca SMAW BUILDING finalizzato a sperimentare materiali di costruzione made in Puglia ottenuti con miscele che impiegano materie prime naturali presenti sul territorio come argilla, calce (adoperati come legante) e scarti di lavorazione prevalentemente agricola (ad esempio della potatura degli ulivi, della lavorazione della paglia, sansa esausta, canapa) adoperati come additivi alleggerenti e/o stabilizzanti. L’obiettivo finale del progetto è la realizzazione di più moduli sperimentali per definire un modello costruttivo mediterraneo realizzato con materiali e soluzioni tecnologicamente efficienti e sostenibili.

Grazie all’accordo quadro siglato dal rettore del Politecnico di Bari Eugenio Di Sciascio e da Michele Matarrese, presidente del Formedil-Bari, la scuola per la formazione professionale in edilizia del territorio, si concretizza la collaborazione già avviata per favorire ricerca e formazione nel settore edile.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *