Flashnews: 19 agosto 2017
Foggia: incidente, morto il 29enne Simone Giuliani di San Severo

Strada statale 90, ferito l'altro occupante dell'auto uscita di strada

Il convegno e i pianoforti nel centro storico, la festa medievale. Così Martina Franca festeggia il suo compleanno

Oggi, 707 anni

Un convegno a palazzo ducale. I pianoforti nel centro storico. La festa medievale in una tenuta fuori dal centro abitato. Martina Franca festeggia così il suo compleanno numero 707, ovvero si commemora il 12 agosto 1310 e il riconoscimento istituzionale del casale.

Di seguito un comunicato diffuso dagli organizzatori di Piano solo lab e a seguire, il comunicato diffuso dal Comune di Martina Franca:

Il progetto Piano Lab, che sinora ha coinvolto nove località turistiche della regione (Alberobello, Taranto, Martina Franca, Ostuni, Otranto, Ceglie Messapica, Cisternino, Bisceglie e Monopoli), avrà il suo momento clou con «Suona con noi» sabato 12 e domenica 13 agosto, sempre a Martina Franca, dove, per l’appunto, verranno suonati in contemporanea, senza distinzione di generi, tredici tra pianoforti a coda e verticale dislocati in dodici punti strategici della città, per far incontrare i grandi interpreti e quei professionisti o anche semplici appassionati che hanno prenotato le loro performance sul sito della manifestazione www.pianosololab.com.

Dalle 18.30 si esibiranno, senza alcuno spirito competitivo, centosessantacinque pianisti, tra docenti, allievi o anche semplici amatori. Si alterneranno con i musicisti che hanno caratterizzato le anteprime nelle varie località pugliesi a partire dallo scorso 2 giugno, tra cui concertisti di lungo corso come Michele Marvulli, che si esibirà con il figlio Nicola (violino), Pierluigi Camicia e Vincenzo Rana. Ci sarà anche Francesco Libetta, il pianista salentino di fama internazionale che ha curato la programmazione con il jazzista Pasquale Mega e Francesca Tozzi dell’associazione la Ghironda e che il 10 settembre concluderà il progetto Piano Lab con un recital nella Cattedrale di Trani. A Martina suonerà, inoltre, uno degli astri nascenti del pianismo pugliese, Viviana Lasaracina, attesa nel chiostro di San Domenico, mentre i suoi allievi si esibiranno nello spazio «Under 12» di Villa Garibaldi, dove saranno allestite due postazioni, una riservata al gioco, l’altra per le performance. Pianoforti saranno collocati, per i vari concerti, oltre che nel chiostro di San Domenico e in Villa Garibaldi, in piazza XX settembre, Arco Santo Stefano, piazza Roma, vico I Cola di Rienzo 14, via Pier Capponi, piazza Plebiscito, Basilica di San Martino, piazza Immacolata, Atrio Marangi e Palazzo Stabile.

Per due giorni Martina Franca sarà, dunque, la capitale internazionale del pianoforte. Anche perché diverse sono state le prenotazioni di turisti provenienti non solo da diverse regioni italiane (in particolare Toscana e Lombardia) ma anche dall’estero (Francia, Germania, Russia). Turisti che, grazie ad un accordo tra la Ghironda e gli albergatori di Martina Franca, hanno ricevuto di default informazioni sulla possibilità di riservare la propria esibizione per Piano Lab prenotando un soggiorno in Valle d’Itria tra il 12 e il 13 agosto.

Il progetto Piano Lab proseguirà con un doppio «special event» del Premio Oscar Nicola Piovani, atteso con il racconto sonoro «La musica è pericolosa», il 17 agosto a Santa Cesarea Terme (ore 21.45, ingresso a pagamento) e il 18 agosto a Ceglie Messapica, in piazza Plebiscito (ore 21.30, ingresso libero), e si concluderà, per l’appunto, il 10 settembre a Trani con il concerto in Cattedrale di Francesco Libetta.

—–

Il 12 agosto la città di Martina celebra la sua festa civile.

“Martina Angioina – Festa civile di Martina”, è stata istituita nel 2012 dall’Amministrazione comunale per celebrare il riconoscimento istituzionale del centro demico del Casale della Franca Martina da parte del principe di Taranto, Filippo I d’Angiò (1294-1331), avvenuto il 12 agosto del 1310.

La ricorrenza, attraverso seminari, convegni, concerti, mostre e attrazioni per i cittadini, mira ad approfondire l’identità della città, coltivarne la memoria, sviluppando la ricerca storica con particolare riferimento a date significative successive a quella fondativa del 1310.

Sabato 12 agosto, alle ore 18.30, nella Sala Consiliare di Palazzo Ducale, si terrà il convegno sul tema: “La concessione del Distretto ai martinesi del 15 gennaio 1317 da parte di Filippo I d’Angiò”. Dopo i saluti del sindaco Franco Ancona, toccherà allo storico e geografo, Giorgio Sonnante, e al ricercatore dell’Università di Taranto di Storia del Diritto medievale e moderno, Stefano Vinci, illustrare il contesto storico ed il significato del privilegio angioino.

Agli intervenuti sarà consegnata una copia del Privilegio riprodotto su carta pergamenata.

Quest’anno, infatti, ricorrono i 700 anni dal 15 gennaio 1317, quando con un privilegio il principe di Taranto Filippo I d’Angiò concesse agli abitanti del Casale della Franca Martina un territorio circolare, detto Distretto, intorno al centro urbano del raggio di due miglia circa (Km 3,7) ed esteso di 4.278 ettari, un quarto dei quali sottratto ai territori di Monopoli e il rimanente a quello di Taranto.

Il privilegio è di rilevante importanza storica perché, in età feudale poche comunità, di recente formazione, ottennero la possibilità di amministrare un territorio.

Tra l’altro, nell’area concessa in allodio (proprietà privata) i martinesi residenti nel Casale venivano autorizzati a costruire abitazioni rurali, mettere a pastino vigne, impiantare orti, scavare cisterne, tracciare strade interpoderali , esenti da tasse di natura feudale.

Il testo del privilegio del 1317 è riportato dallo storico Isidoro Chirulli, arciprete di san Martino, nell’Istoria Cronologia della Franca Martina con gli avvenimenti più notabili del Regno di Napoli, edito dal Gruppo Umanesimo della Pietra nel 1982, tomo II, pp. 94-95 (riedizione da Venezia 1752). Il privilegio è stato riprodotto e sarà distribuito ai cittadini, alle scuole e ai visitatori.

Al termine del convegno, in Piazza Plebiscito, sarà proiettato, sulla facciata del Palazzo dell’Università (antica sede del Comune), attualmente sede della Società Artigiana, un videomapping che riprende storia ed immagini della città, mentre i cittadini potranno partecipare al Piano-Lab organizzato dal “Ghironda Festival” per il 12 e il 13 agosto con 16 pianoforti collocati in diverse postazioni sui quali si alterneranno musicisti di professione, studenti di piano, ragazzi previa iscrizione, in un’armonia di suoni e di musica.

«La concessione del Distretto da parte di Filippo I d’Angiò – afferma Antonio Scialpi, assessore alle Attività e ai Beni culturali, che ha curato e coordinato l’intera manifestazione con l’Ufficio Cultura – segna la storia della Franca Martina, contribuendo a stratificare modi di pensare e di sentire che hanno connotato la formazione della mentalità degli abitanti della nostra comunità».

«Ritorniamo alle radici per comprendere il senso della nostra storia e progettare il futuro della nostra città» commenta il sindaco Franco Ancona, che sarà presente il 12 agosto in forma istituzionale.

Nell’ambito delle celebrazioni per la festa civile di Martina, sono previsti altri eventi e, in particolare:

  • Venerdì 11 agosto, a partire dalle ore 19:30, con partenza da piazza Immacolata, si terrà la 6^ edizione del corteo storico “Alla Corte di Filippo d’Angiò”, mentre il 12 e 13 agosto avrà luogo “La festa medievale – Notti angioine fino all’alba” presso Corte dei Fragni. Entrambi questi appuntamenti sono organizzati dall’associazione “Amici della Franca Martina” con il patrocinio dell’Amministrazione comunale.
  • Sabato 12 agosto, alle ore 19.30, nelle sale d’Avalos di Palazzo Ducale verrà inaugurata una mostra fotografica dal titolo “Dalla Valle al Colle” curata dall’Associazione “Castrum Martinae”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *