Nuova costruzione
Flashnews: 18 giugno 2019
Montalbano di Fasano: quindicenne in coma per una caduta da cavallo

Ricoverato al "Perrino" di Brindisi


Bari: sequestrata la sede di Casapound

Inchiesta su aggressione ad esponenti della sinistra a fine settembre. Ventotto indagati per riorganizzazione del partito fascista

Sequestro preventivo della sede di Casapound a Bari. Decisione della magistratura barese, indagine della Digos, dopo l’aggressione denunciata da esponenti della sinistra fra cui l’eurodeputata Eleonora Forenza lo scorso 21 settembre al termine di una manifestazione antifascista. In dieci devono rispondere di quella aggressione, ventotto complessivamente gli indagati per “aver partecipato a pubbliche riunioni, compiendo manifestazioni usuali del disciolto partito fascista e di aver attuato il metodo squadrista come strumento di partecipazione politica” secondo l’accusa.

Nello specifico, l’aggressione di settembre avvenne con premeditazione “in esecuzione di un medesimo disegno criminoso giustificato dalla ideologia fascista” usando “sfollagente, manubri da palestra, manganello telescopico, cintura dei pantaloni”.

Nella sede di Casapound trovato busto di Benito Mussolini e copia del Mein Kampf. Ora quella sede è chiusa.

Sette antifascisti indagati per resistenza a pubblico ufficiale, in relazione all’accaduto il 21 settembre.


allegro italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inchiesta su aggressione ad esponenti della sinistra a fine settembre. Ventotto indagati per riorganizzazione del partito fascista

">