Taras
Flashnews: 13 novembre 2018
Baldassarre, autopsia: scompenso cardiaco acuto

Eseguito a Lecce l'esame medico legale sul cadavere dell'ex eurodeputato morto venerdì notte

Flashnews: 13 novembre 2018
Il vigile urbano di San Nicandro Garganico è morto dopo tre mesi d’agonia, travolto da un’auto mentre regolava il traffico per un incidente

Carmelo D'Addetta aveva 60 anni. Nel sinistro di ferragosto persero la vita due ragazzi di Torremaggiore

Flashnews: 13 novembre 2018
San Pancrazio Salentino: esplode bombola, crolla il tetto di una casa

Marito e moglie di 80 e 77 anni ricoverati al "Perrino" di Brindisi


Ilva, “nulla di nuovo per fortuna e purtroppo”

Fim-Cisl

Di seguito la dichiarazione di Valerio D’Alò, segretario interprovinciale Fim-Cisl:

Ieri nell’incontro con Ilva nulla di nuovo, per fortuna e purtroppo. Dopo l’insistenza sindacale, affinché non si aggravasse la Cassa integrazione con nuove fermate d’impianti a seguito della proroga, l’azienda ha confermato lo stesso assetto di marcia degli ultimi tre mesi, così come annunciato dal ministro Luigi Di Maio nell’incontro del 9 luglio scorso.
Bene, ci viene da pensare – ma non del tutto – perché se da un lato la situazione non peggiora, dall’altro non migliora per i lavoratori dell’area tubifici e laminazione, i quali restano ancora a casa.
Mentre al tavolo con il management aziendale qualcuno ha auspicato una nuova proroga, noi non possiamo che continuare a portare all’attenzione di tutti le condizioni di difficoltà dei lavoratori in Cassa integrazione e dell’Indotto in enorme sofferenza.
Spesso parla della crisi chi forse non la vive, consapevole che non è il proprio Certificato unico dipendente (Cud) a cambiare in peggio, ma quello degli altri.
Si dovrebbe suggerire ai benaltristi, di vivere con lo stesso salario di chi è a casa e di chi non percepisce lo stipendio – come i lavoratori della ditta Lacaita – e non pontificare dall’alto della propria stabilità economica.
Dei tubifici siamo in pochi a parlarne. Questo ci dispiace, ma continueremo a essere al fianco dei lavoratori fino all’ultimo minuto utile alla risoluzione della vertenza Ilva.
Un incontro, quindi, senza infamia e senza lode, al termine del quale è emersa la consapevolezza da parte del sindacato di continuare a perdere cose importanti lungo il tragitto: uno stabilimento malinconico che necessita di essere ripreso in fretta, attraverso le opportune operazioni di adeguamento ambientali ed industriali, nell’interesse dei lavoratori e delle loro famiglie, dei cittadini di Taranto e del sistema produttivo nazionale.
Il tempo è ormai scaduto, questi supplementari non giovano a nessuno. Ci conforta sapere che la necessità di far presto – di cui ha sempre parlato la Fim e per cui venivamo criticati – è una necessità condivisa anche dal vice premier Di Maio dal quale ci aspettiamo il massimo impegno per una risoluzione che contempli – come da lui stesso annunciato – piena occupazione e tutela della salute.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fim-Cisl

">