Nuova costruzione
Flashnews: 19 marzo 2019
Giornalista salentina ripetutamente minacciata di morte, “confermare subito la scorta”

Per Marilù Mastrogiovanni la sollecitazione dell'eurodeputata Rosa D'Amato, il ministero dell'Interno "non può permettersi di perdere altro tempo"


Il Comune di Martina Franca ha perso 223mila euro. Ma non per colpa di quel dirigente né di quel funzionario. Stralcio e archiviazione

Corte dei Conti, provvedimento della sezione regionale

A maggio 2016 il già dirigente tecnico del Comune di Martina Franca si vide recapitare una lettera. Firmata dal sindaco e dal segretario generale. Si trattava di una richiesta di restituzione di soldi: 148mila 502 euro e 81 centesimi oltre a interessi e spese legali, a titolo (secondo la pretesa) di mancati introiti per l’ente. Cioè, in sostanza,il professionista era stato considerato inadempiente nello svolgimento del suo lavoro.

Ieri per il professionista, Bartolomeo Zizzi, è arrivato un pronunciamento della sezione regionale della Corte dei Conti. La posizione dell’ex dirigente, assistito dall’avvocato Enrico Pellegrini, è stata stralciata ed archiviata, così come quella del funzionario Martino Carbotti. Ciò perché, secondo quanto scritto dal viceprocuratore generale della sezione, quel dirigente e quel funzionario non avevano alcuna competenza decisoria nello stabilire adeguamenti di prezzi che pure dovevano essere adeguati. Così, sancisce la Corte dei Conti, è vero che il Comune ha subito un danno erariale da circa 223mila euro. Ma non è stato procurato dal quel dirigente né da quel funzionario.
Da chi, a questo punto? E come si recupera la somma?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corte dei Conti, provvedimento della sezione regionale

">