Flashnews: 28 aprile 2017
Torremaggiore: agguato, ucciso il 37enne netturbino Pasquale Maiellaro

Omicidio stamani a colpi di pistola. Quindici anni fa, l'umo assassinato oggi uccise un coetaneo

Flashnews: 28 aprile 2017
Terrorismo: arrestato congolese, era stato ospite del centro per rifugiati di Brindisi

Espulso dall'Italia un marocchino che aveva avuto contatti con Anis Amri, autore della strage al mercatino di Natale di Berlino

Neve: agricoltura, in provincia di Taranto “danni stimati per ottanta milioni di euro”

Coldiretti, "persi in soli otto giorni 500mila euro di latte. Calo del 30 per cento della produzione". Disastro per vigneti e agrumeti

Di seguito un comunicato diffuso da Coldiretti Puglia:

In soli 8 giorni l’isolamento delle stalle in provincia di Taranto ha portato ad un danno stimato di 500mila euro, sia per il calo del 30% della produzione di latte per la sofferenza degli animali e per l’impossibilità a consegnare il latte munto ai raccoglitori per il blocco delle strade.

“I soci ci stanno segnalando situazioni di criticità mai vissute prima – denuncia il Presidente di Coldiretti Taranto, Alfonso Cavallo – che, oltre ad interessare le stalle a Mottola, Castellaneta, Ginosa, Laterza, Massafra, sono disastrosi per i comparti agrumicolo e dei vigneti di uva da tavola. Al momento ci sono stati segnalati oltre 350 ettari di vigneto atterrato sotto il peso di neve e ghiaccio con un prudenziale danno stimato per 80 milioni di euro. Gli agricoltori dovranno estirpare e smaltire il vecchio impianto improduttivo, preparare il terreno e realizzare un nuovo impianto completo. Tuttora incalcolabili le ripercussioni della morsa del gelo sugli ortaggi in pieno campo, andati in fumo e ancora coperti da neve e ghiaccio”.

E’ necessario un provvedimento “azzeraburocrazia” che autorizzi allevatori e agricoltori a comprare direttamente tutto ciò che serve a garantire la continuità produttiva delle proprie aziende, gravemente danneggiate dalla straordinaria ondata di maltempo che ha trovato impreparata la provincia di Taranto, a fronte di un rimborso pubblico che va garantito attraverso strumenti che non possono essere il solo Fondo di solidarietà nazionale attivato con lo stato di calamità.

“Altrettanto gravi i danni sugli agrumi – denuncia il Direttore di Coldiretti Taranto, Aldo De Sario – con l’azzeramento della produzione di clementine tardive. In provincia di Taranto ammontano ad oltre 30milioni di euro i danni sugli agrumi, clementine e arance irrimediabilmente rovinati dal gelo e il bilancio è solo provvisorio. Per attivare immediatamente tutti gli strumenti utili ad aiutare i nostri agricoltori e allevatori a riattivare le proprie attività aziendali, serve una fotografia puntuale e la rilevazione del danno certa. Per questo abbiamo attivato in ogni ufficio comunale di Coldiretti un servizio a disposizione delle aziende danneggiate che attraverso la compilazione di apposita modulistica possano richiedere l’immediata verifica del danno e richiedere gli interventi necessari”.

tendone maltempo provincia taranto

 

 

 

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *