Flashnews: 20 gennaio 2017
Hotel Rigopiano, si teme che i morti siano 35

Ricerche incessanti da ieri all'alba: la slavina che ha fatto una strage si è staccata da quota 2600 metri. Terremoto: quasi mille scosse in due giorni

Puglia, meteo: il maltempo dà una tregua ma, soprattutto al centrosud Italia, di nuovo da venerdì

Scuole, aule fredde: Mennea (protezione civile) si appella agli amministratori locali, "assicurare riscaldamento e sicurezza"

Oggi meglio di ieri, domani meglio di oggi con aria sospinta dal libeccio. Più calda. E,secondo le previsioni, finirà lì. Da domani notte, stando agli esperti, nuova perturbazione artica con nevicati che avranno la giornata di maggiore intensità venerdì e sarà, dal punto di vista del gran freddo, il primo di una decina di giorni con le temperature molto basse.

Di seguito un comunicato diffuso da Ruggiero Mennea, consigliere regionale della Puglia e presidente della protezione civile regionale:

La scelta di riaprire le scuole questa mattina, laddove le condizioni del tempo non sono risultate proibitive, è da apprezzare. Ma voglio rivolgere un appello ai sindaci, ai presidenti delle Province e al sindaco metropolitano di Bari perché, ciascuno per gli istituti di propria competenza, provvedano innanzitutto ad assicurarsi che gli impianti di riscaldamento siano effettivamente in funzione e, poi, garantiscano la pulizia degli ingressi delle scuole, spargendo sale”. A chiederlo è il presidente del comitato permanente di Protezione civile regionale, Ruggiero Mennea, che sta seguendo da giorni con il presidente Michele Emiliano e l’assessore regionale alla Protezione civile, Antonio Nunziante, l’evolversi della situazione maltempo, coordinando gli interventi su tutto il territorio. “Nella giornata di oggi, purtroppo, sono state numerose le segnalazioni arrivate da tutta la regione circa il mancato riscaldamento di alcune aule”, rimarca il consigliere regionale. “Purtroppo ci sono plessi ancora non dotati di termosifoni, ma non è raro – prosegue – che gli impianti siano andati in tilt dopo alcune ore di funzionamento. Per questo, chiedo ai dirigenti degli istituti di sopperire con le stufe, laddove gli impianti non ci sono, e di verificare durante la giornata l’effettivo funzionamento dei termosifoni. Considerato poi che, anche per questa notte, si annunciano temperature rigide, invito gli stessi a lasciare i termosifoni accesi durante le ore notturne onde evitare che gli studenti, domani, trovino aule fredde”. Non è mancato, inoltre, qualche incidente, dovuto alla presenza di ghiaccio in prossimità degli ingressi delle scuole. “So che molti sindaci – prosegue Mennea – stanno provvedendo, costantemente, a spargere sale in prossimità di ingressi di scuole e altri luoghi pubblici. Ma anche in questo caso, invito a ripetere l’operazione in modo da impedire – conclude – che il ghiaccio si formi”.

(foto: Martina Franca, ateneo Bruni)

.

.

 

 

 

 

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *